Gita fuori porta: a Roccantica per la Sagra del frittello di San Giuseppe

Sacro e profano, preghiere e peccati di gola s’intrecciano nella nostra proposta di questa settimana per l’appuntamento con il weekend fuori porta: a Roccantica, provincia di Rieti, c’è la Sagra del frittello, che si svolge come ogni anno la domenica successiva a San Giuseppe, la Festa del Papà.

“Tutto ti apparirà più bello… dopo essere stato alla sagra del frittello!”. Questo lo slogan con cui la pro loco dello splendido paesino che – lo suggerisce il nome – se ne sta arroccato su un costone dei Monti Sabini presenta la 41ª edizione di quest’evento culinario che vuole essere anche un omaggio a San Giuseppe, a Roma e nel Lazio soprannominato ‘Frittellaro’ per i bignè fritti che si consumano, appunto, tradizionalmente per la festa del 19 marzo.

E da questi non è molto diverso il frittello locale, dolce e salato, che viene preparato e servito a partire dalle 12 di domenica mattina, con l’olio che sfrigola già da tempo dentro la padella. Dopo il pranzo comunitario, per digerire, il pomeriggio sarà allietato dal Gran ballo liscio e gasato, che sta a indicare che ce ne saranno proprio per tutti i gusti.

La sera, poi, si chiude con un bello spettacolo del gruppo storico folkloristico di Roccantica: Chiarine, Sbandieratori e Tamburini. La giornata certo volerà in un lampo, ma se doveste riuscire a ritagliarvi uno scampolo di tempo per una passeggiata nella natura, sappiate che poco lontano dall’abitato arrampicato sulla montagna, troverete la grande dolina, nota con il nome di Revotano, del diametro di circa 250 metri, all’interno della quale, secondo una credenza locale, sarebbe sprofondato il paese originale.

Foto | Flickr