Italia Australia: Moore “L’Italia di Brunel è un pericolo da non sottovalutare”

Il tallonatore wallabie avverte: contro l’Italia non sarà facile e l’Australia dovrà contenere gli azzurri nel primo tempo e non concentrarsi solo sui punti d’incontro.

Forse possono venir lette come parole di circostanza, ma non si può relegare il pensiero di Stephen Moore come semplice cortesia verso i padroni di casa. La sfida di sabato di Firenze per l’Australia sarà un test vero, dove non sono permessi passi falsi e supponenza.

Non solo perché l’Italia di Jacques Brunel ha messo in difficoltà per un’ora gli All Blacks all’Olimpico, né perché l’ultima volta che ci hanno sfidati – ai Mondiali 2011 – si sono ritrovati pericolosamente sul 6-6 a fine primo tempo. E’ la svolta data da Jacques Brunel a preoccupare il tallonatore australiano.

Quello che abbiamo notato ed evidenziato a Roma, e che ha confermato ciò che il tecnico francese aveva già tentato di impostare nell’ultimo Sei Nazioni, non è sfuggito neppure ai giocatori australiani nella videoanalisi della sfida tra gli azzurri e la Nuova Zelanda. L’Italia targata Brunel non è quella di Nick Mallett. Anzi.

Il piano di gioco monotematico degli ultimi anni – puntando tutto sulla mischia e con i trequarti che dovevano solo fissare il punto per un nuovo breakdown – è un ricordo e, oggi, l’Italia cerca (finalmente) di giocare in quindici le partite. “Dobbiamo essere concentrati e pensare a fare le cose semplici bene, puntando a sfruttare le occasioni che ci verranno date dopo aver fatto il lavoro duro – ha detto Moore –. L’Italia ricorda molto la Francia e l’Argentina, sono un po’ più fallosi, ma sono un squadra molto fisica”

E la partita con gli All Blacks ha confermato la crescita azzurra. “Credo abbiano disputato proprio un gran match con gli All Blacks, sono riusciti a metterli sotto pressione. A fine partita Conrad Smith ha detto che è stato un match duro alla pari di tutti quelli disputati quest’anno. Credo dica tantissimo sull’Italia. O no?”.

Insomma, l’Australia non è a Firenze in vacanza e la testa è già rivolta al Franchi e alla sfida di sabato. Ma ai piani alti, ahimé, l’Aru deve anche affrontare il tema Quade Cooper. L’ultima notizia – l’ennesima – è la smentita da parte della federazione di aver offerto un contratto al ribasso al giocatore. Anzi, era un’offerta “importante” secondo i dirigenti Aru.

Photo credits by Getty Images

Link utili:
Il calendario dei test match 2012 

I test match in streaming sul web

Italia – All Blacks, la cronaca del match

Italia – All Blacks, le interviste di Rugby 1823

Italia – All Blacks, le più belle foto del match

Australia, i prezzi dei biglietti

 

ITALIAN RUGBY WEB AWARDS: votate gli azzurri del 2012!

 

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter

RUGBY 1823 è anche su Google+