Delitto di Perugia: Rudy Guede smentisce Mario Alessi ed accusa Amanda Knox e Raffaele Sollecito

A pochi giorni dalle dichiarazioni, poi rivelatesi false, di Mario Alessi, condannato all’ergastolo per il rapimento e l’omicidio del piccolo Tommaso Onofri, Rudy Guede si fa sentire. L’ivoriano, che sta scontando una condanna a 16 anni di carcere per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, ha mandato una lettera a News Mediaset, nella quale smentisce


A pochi giorni dalle dichiarazioni, poi rivelatesi false, di Mario Alessi, condannato all’ergastolo per il rapimento e l’omicidio del piccolo Tommaso Onofri, Rudy Guede si fa sentire.

L’ivoriano, che sta scontando una condanna a 16 anni di carcere per l’omicidio della studentessa inglese Meredith Kercher, ha mandato una lettera a News Mediaset, nella quale smentisce le parole di Alessi ed indica sia la Knox che Sollecito come autori del delitto di Perugia.

Come solito in questo nostro amato bel paese, di persone false, dedite alla mendacia ve ne sono assai. […] Va detto che quello che ho sentito nei giorni trascorsi per mezzo dei media a riguardo di quanto falsamente dichiarato da quest’essere immondo dal nome di Alessi Mario, cui coscienza non altro che una puzzolente immondezza, solo e soltanto farneticazioni di una mente malata e contorta, le sue: dichiarazioni fantasticate e false di un orco che, come noto a tutt’Italia, macchiandosi di un orrendo omicidio ove privato la vita ad un piccolo angelo umano.


Parole dure nei confronti di Alessi, definito da Guede “essere immondo“, “una mente malata“, “un orco che non ha avuto pietà di un bambino“.

Nella stessa lettera, potete leggere qui il testo integrale, l’ivoriano parla anche della sua situazione ed afferma che “tutto quello che avevo da dire lo già detto ai giudici e continuerò finché avrò vita ad urlare e combattere fin quando la verità in sè e la giustizia in sè non prevalerà su tali menzogne“.

E conclude dicendo:

Per quanto mi riguarda in me la serenità e la tranquillità della piena atarassia d’animo di chi nel giusto non ostenta quest’ingiusta sofferenza, ma proprio perché nel giusto confido nella Giustizia e nel buon senso degli italiani ed infine mi auguro che prima o poi i giudici si rendano conto della mia totale estraneità a quello che stato un’orribile assassinio di una splendida meravigliosa ragazza quale era Meredith da parte di Raffaele Sollecito e Amanda Knox.

Via | TgCom

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →