Elezioni 2013 – Beppe Grillo contro Giovanni Favia

In un video il consigliere emiliano appare come un Cetto La Qualunque


Dopo la decisione di Giovanni Favia di candidarsi con la Rivoluzione Civile di Ingroia era solo questione di tempo prima che Beppe Grillo si scagliasse contro il consigliere espulso dal Movimento 5 Stelle. L’attacco all’ex sodale è arrivato via Twitter, da dove il blogger ha rilanciato un video intitolato “Le perle di Favia” preparato da un militante del M5S.

E’ un video di un minuto, aperto da un immagine in cui Favia appare come Cetto La Qualunque con la frase “Prima mi voti poi ti dico se resto al mio posto” e in cui è riproposta una vecchia intervista del consigliere emiliano, in cui se la prende con Di Pietro, ora suo alleato:

“Credono di batterci così? Batteteci sulle idee, dite ai vostri consiglieri di non votare a favore degli inceneritori. Fate il partito della legalità, consultate la base invece di mettere il capolista in Emilia Romagna scelto da Roma. Date un po’ di coerenza ai vostri fatti. Ci sono delle persone che cercano visibilità personale. Ma poi la gente si autoesclude con il tempo, perché contano i fatti”.


E’ chiaro come alcune delle frasi dette da Favia oggi gli si possono ritorcere contro, in particolare quella sul “capolista in Emilia scelto da Roma”, visto che è proprio quello che è successo a lui, candidato capolista per una scelta di Ingroia. La sensazione però è che stia prendendo piede una bella guerra tra Rivoluzione Civile e Movimento 5 Stelle, che in queste elezioni politiche del 2013 si contendono in buona parte lo stesso elettorato.