Petroliere colpite nel golfo di Oman, gli USA accusano l’Iran – FOTO

Il Segretario di Stato USA Mike Pompeo ha accusato l’Iran di essere responsabile dell’attacco a due petroliere nel golfo di Oman. L’Iran ha respinto ogni accusa.

Gli Stati Uniti hanno puntato il dito contro l’Iran in quello che hanno definito “un attacco non provocato” contro due navi petroliere nel golfo di Oman. È stato il Segretario di Stato USA Mike Pompeo a rivelarlo sulla base del tipo di armi che sarebbero state utilizzate per colpire le due nave dirette in Giappone.

L’accusa è stata lanciata durante una conferenza stampa e l’Iran ha prontamente replicato respingendo ogni addebito e negando ogni possibile coinvolgimento del Paese nella vicenda.

Anche la Russia è intervenuta in serata per invitare gli Stati Uniti a non giungere a conclusioni affrettate. Al momento, comunque, le cause dell’incidente non sono note, ma i membri dell’equipaggio della petroliera Front Altair, di proprietà della società Frontline, hanno riferito che la nave sarebbe stata colpita da un siluro.

L’attacco è avvenuto ad un mese esatto da un altro incidente simile. Il 12 maggio scorso quattro navi erano state attaccate al largo degli Emirati Arabi Uniti, anche in quel caso senza feriti. La vicenda non ebbe grosso eco mediatico, ma gli Stati Uniti puntarono il dito contro l’Iran, che replicò negando ogni addebito.