Codice appalti, Salvini vs CGIL. Landini: “Ci quereli pure, ma cambi le leggi sbagliate”

A Salvini non è andata giù una dichiarazione del segretario CGIL.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha proposto la sospensione per due anni del Codice degli appalti attraverso un emendamento al decreto sblocca-cantieri, poiché ritiene che sia uno strumento “vecchio che sta ingabbiando il Paese”.

Prontamente è arrivata la reazione dei suoi oppositori, ma, in realtà, anche dei suoi alleati, visto che il senatore del MoVimento 5 Stelle Nicola Morra è stato tra i primi a definire il subappalto un “grimaldello per le mafie” per entrare nei lavori pubblici.

Tra coloro che hanno messo l’accento sulle conseguenze che l’iniziativa di Salvini può avere proprio a favore delle mafie c’è Maurizio Landini, il segretario della CGIL, che, secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, ha detto:

“Quella di Salvini non può più essere considerata una follia. È piuttosto un disegno lucido che regala alle mafie e alla corruzione spazi enormi di agibilità. Un disegno che sta invece dalla parte della illegalità”

Come già successo con lo scrittore Roberto Saviano, Salvini non sopporta che si alluda a una sua vicinanza alle mafie e allora ha reagito dicendo di voler querelare la CGIL. Landini, appresa la notizia della possibile querela, ha commentato:

“Salvini vuole querelare 5 milioni di iscritti? Ci quereli tutti ma non svii la discussione. La Cgil non ha mai detto che Salvini fosse mafioso o corrotto. Ha detto che quei provvedimenti sono sbagliati, cosa che è sotto gli occhi di tutti. L’ha detto anche Cantone che siamo di fronte al rischio concreto di infiltrazione mafiosa cambiando quelle norme”

Landini ha aggiunto:

“Salvini, invece di fare gazzarra, affronti i problemi, entri nel merito delle questioni che devono essere affrontate. Trovo singolare che uno che è ministro dell’Interno dica che le leggi vanno bloccate per due anni o che servano altri condoni fiscali. Lui è quello che le leggi le fa applicare, non quello che le sospende”

I Video di Blogo