Roma Pride 2013 sfila over the rainbow il 15 giugno 2013

Forse la primavera arriverà prima dell’equinozio del 21 marzo, molti sperano nei germogli di rinascita che potrebbero generare le prossime elezioni comunali, ma qualunque esito avranno, il 15 giugno Somewhere Over the Rainbow, parecchi proprio con la Dorothy di Judy Garland nel cuore gonfio d’emozione, sfilando per le strade della capitale con l’arcobaleno che sventola sull’orgoglio del Roma Pride, sin dal 1994.

di cuttv

Una giornata dedicata a tutti i colori dello spettro cromatico e a tutti generi, soprattutto a quelli che rivendicano una libertà di ‘usi e costumi’ e il diritto di vivere una condizione culturale e sociale più rispettosa delle differenze, che parte da associazioni e realtà lesbiche, gay, bisessuali, trans e queer, ma si estende anche a tutti quelli che non hanno il germe del pregiudizio e la paura dell’altro nel DNA, vogliono vivere in un mondo pieno di amore di qualsiasi tipo per scacciare l’odio, non sentono alcun bisogno di riconoscersi in un gruppo, o peggio in una valanga di stereotipi, per sentirsi liberi di amare chiunque.

Come ogni anno, nelle prossime settime inizierà il fermento della parata del Roma pride 2013, per preparare costumi, scenografie e soprattutto l’atmosfera, che ogni anno mette i lustrini alla protesta per portare alla luce più abbagliante del sole, tutto quello che resta nell’ombra della società, che tollera la violenza e l’ipocrisia in famiglia, ma si ostina a non voler riconoscere dignità e diritti a tutte le forme di famiglia e matrimonio che non avvengono tra un uomo e una donna.

La sfilata

Il Roma Pride 203 sfila sabato 15 giugno 2013 dalle 16.30 alle 19.30, minuto più minuto meno, con in testa il tradizionale autobus inglese a due piani completametne rivestito con il logo ufficiale del Comitato Promotore con i suoi rappresentanti, la madrina, l’attrice Chiara Francini, e il Front woman la Drag Queen La Karl Du Pigné.

Seguono il Carro del Circolo di Cultura Omosessuale Mario Mieli, dal titolo Pridebook, una rielaborazione grafica dei post di Facebook con la cronologlia degli avvenimenti giudiziari e legislativi più importanti della comunità lgbtqi, dalle raccomandazioni della Corte Europea di Strasburgo, alle approvazioni di leggi antidiscriminazione, all’approvazione dei matrimoni egualitari in Europa;

– il Carro di Queerlab, un Teatro dell’Opera con palchetti, tende rosse e oro e cantanti lirici. Una predominanza di rosso eoro e lo slogan “Più Traviate, meno Norme”;

– il Carro dell’AGEDO, Associazione genitori di omosessuali, che come ogni anno sfilerà con striscione e Carro;

– il Carro di Muccassassina, con tutta l’animazione al gran completo, mentre un’istallazione raffiguratne il Colosseo completa uno dei carri più suggestivi del corteo.

Il resto lo faranno i partecipanti …

Via | Mario Mieli