Affari italiani: Marzio Innocenti, il candidato alla presidenza Civ per chiudere l’era Bortolato

Dovrebbe essere l’ex capitano azzurro a guidare la squadra che alle ultime elezioni federali aveva appoggiato Amerino Zatta.

Dovrebbe essere Marzio Innocenti il candidato della cordata che cercherà di spodestare Roberto Bortolato dalla presidenza del Comitato (ormai) del Veneto di rugby. A raccontarlo il sempre attento collega Elvis Lucchese sul suo blog Rugbypeople.

Ecco cosa scrive Lucchese:

Sarà molto probabilmente Marzio Innocenti il candidato della cordata di opposizione per le prossime elezioni del Civ, in programma il prossimo sabato 26 gennaio. E’ questo l’esito dell’ultima consultazione giovedì sera fra le società venete animatrici della corrente, guidata dal Benetton e della coppia composta da Vittorio Munari e Amerino Zatta, quest’ultimo già sfidante (sconfitto) di Alfredo Gavazzi per la massima carica della Federugby.

Il primo nome che si era fatto per il candidato presidente da opporre all’uscente Roberto Bortolato, che si presenterà per cercare di ottenere il quarto mandato, era stato quello di Fabio Beraldin, ex Petrarca e attualmente dirigente del Valsugana, mentre un certo credito veniva anche assegnato al veneziano Luigi Torretti, consigliere federale nell’ultimo governo Dondi.

I club triveneti della cordata avrebbero tuttavia espresso la loro preferenza a favore dell’ex capitano azzurro, stimato medico, sempre vigoroso nelle sue battaglie sia dentro che fuori dal campo. Il livornese si era anche candidato quale presidente della Fir nel 2004 alla guida del cosiddetto Comitato Rinnovamento Rugby Italiano, promosso assieme a Massimo Giovanelli. In tempi recenti Innocenti è stato allenatore del Valsugana, del VeneziaMestre (esonerato nel 2009) e del Riviera. Il figlio Lorenzo gioca nel Petrarca.

Link utili:
Elezioni federali: l’annuncio della vittoria di Gavazzi

Elezioni federali: ecco i consiglieri eletti

Elezioni federali: le prime parole di Gavazzi

Commenta questa notizia sul FORUM di RUGBY 1823

 

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter