Lattuga contaminata: non è laziale ma campana

In Germania è stato trovato del veleno per topi nell’insalata proveniente dall’Italia. Ma non era proveniente dal Lazio.

Il Ministero della Salute ha allertato gli assessorati della Regione Campania (e non del Lazio come si era detto) e della Regione Veneto per l’adozione di eventuali misure cautelari dopo la segnalazioni di insalata contaminata da un topicida in Germania arrivata dall’Italia. Nella nota il ministero precisa:

“Non si può escludere che la contaminazione possa essere avvenuta nel magazzino del grossista tedesco atteso che per altro il riscontro è stato effettuato in autocontrollo e non in seguito ad un controllo ufficiale delle autorità tedesche”.

Tuttavia, a scopo cautelativo, lo stesso ministero ha avviato tutte le procedure previste oltre a chiedere alle autorità tedesche di effettuare identici controlli per la ditta tedesca.

La notizia per ora è comunque la conferma di una busta di veleno per topi “non integra” che sarebbe stata rinvenuta in una cassetta di legno aperta di lattuga romana, dunque non confezionata, su 110 cassette fornite ad un grossista tedesco da una ditta veneta. La notifica è avvenuta ieri, 7 marzo, attraverso il sistema di allerta della Commisssione Ue.

Da prima si era parlato della Regione Lazio, ma il Ministero ha rettificato:

“L’azienda produttrice dell’insalata dove in Germania è stato rinvenuto il topicida è campana. Quindi è stato allertato dal Ministero della Salute l’assessorato della Regione Campania e non della Regione Lazio, come precedentemente il ministero aveva fatto sapere. Le regioni allertate sono quindi due: Veneto e Campania”.