Migranti: 9 morti nell’Egeo, 5 sono bambini | Ue: “Italia lavori ad accordi su sbarchi”

Migranti, sono almeno 9 morti nel Mar Egeo, 4 donne e 5 bambini. Intanto l’Ue preme sull’Italia per accordi temporanei sugli sbarchi

Sono almeno nove i migranti morti nel Mar Egeo, quattro donne e cinque bambini, a seguito del naufragio di un barcone su cui viaggiavano diciassette persone e che si stava dirigendo verso le isole greche. Tre i dispersi.

Altri cinque migranti che erano a bordo del natante affondato, tra cui un bambino e una donna, sono stati salvati dalla guardia costiera turca intervenuta al largo della località di Ayvalik con quattro mezzi navali e un elicottero con cui sono stati recuperati anche i corpi delle nove vittime. Proseguono le ricerche dei dispersi.

E sempre oggi sulla questione dei migranti, che a bordo di carrette del mare rischiano la vita sperando in condizioni migliori per sé e i propri figli, la Commissione Ue ha lanciato un appello all’Italia affinché si arrivi “a una conclusione delle discussioni sugli accordi temporanei sugli sbarchi“.

Specie ora che l’impegno italiano è più urgente “anche a causa della situazione in Libia” si legge nelle lettera inviata dalla Commissione al ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi. L’Italia secondo la Commissione Ue deve lavorare al progetto di “una massa critica di Stati” per attuare le intese al più presto, nel breve periodo.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Immigrazione

Tutto su Immigrazione →