Roma, omicidio Daniele Lo Presti: ucciso per soldi?

Emergono nuovi particolari sull’omicidio del fotografo Daniele Lo Presti, ancora parzialmente avvolto nel mistero: in queste ultime ore è spuntato un testimone oculare, il cui racconto è ancora al vaglio degli inquirenti, che ha riferito di aver visto Lo Presti parlare con due persone poco prima di venir ucciso con un colpo di pistola alla

Emergono nuovi particolari sull’omicidio del fotografo Daniele Lo Presti, ancora parzialmente avvolto nel mistero: in queste ultime ore è spuntato un testimone oculare, il cui racconto è ancora al vaglio degli inquirenti, che ha riferito di aver visto Lo Presti parlare con due persone poco prima di venir ucciso con un colpo di pistola alla testa.

Il fotografo, secondo il racconto, avrebbe parlato con due uomini non ancora identificati a pochi passi dal luogo in cui, intorno alle 17, sarebbe poi stato ucciso. Se il particolare fornito dal testimone dovesse essere verificato, potremmo essere di fronte ad una svolta. Ad oggi, dopo oltre 72 ore, dall’omicidio non c’è ancora una pista preferenziale.

Sembra sempre meno plausibile che Lo Presti sia stato ucciso per motivi collegati al suo lavoro di paparazzo, mentre sta prendendo sempre più corpo l’ipotesi che alla base del delitto ci sia stato un debito accumulato dall’uomo.

Doveva dei soldi a qualcuno? Parrebbe di sì: poche ore prima di venire ucciso, scrive il Corriere, Lo Presti avrebbe contattato l’agenzia fotografica per cui lavorava per sollecitare il versamento di alcuni compensi arretrati per saldare con un urgenza una somma in sospeso. Che ci sia proprio quella non ben specificata somma in sospeso dietro il misterioso omicidio?

Gli inquirenti continuano a scavare nella vita dell’uomo, nelle sue abitudini e frequentazioni, nel tentativo di ricostruire le sue ultime ore di vita e cercare di rintracciare le persone con cui è stato in contatto in quelle ore.

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →