New York: poliziotto accusato di aver sodomizzato un sospettato con un manganello viene assolto per mancanza di prove

Ci siamo spesso occupati di abuso di potere da parte di agenti di polizia. Molti di questi casi finiscono in Tribunale, come quello del poliziotto di New York Richard Kern, accusato di aver sodomizzato un sospetto per droga con un manganello. I fatti risalgono all’ottobre del 2008: Kern e due suoi colleghi, Andrew Morales e


Ci siamo spesso occupati di abuso di potere da parte di agenti di polizia. Molti di questi casi finiscono in Tribunale, come quello del poliziotto di New York Richard Kern, accusato di aver sodomizzato un sospetto per droga con un manganello.

I fatti risalgono all’ottobre del 2008: Kern e due suoi colleghi, Andrew Morales e Alex Cruz, arrestarono Michael Mineo, impiegato in un centro per tatuaggi, mentre era intento a fumare uno spinello.

A questo punto le versioni si dividono: l’accusa sostiene che Kern, dopo aver picchiato il sospetto, lo sodomizzò con un manganello nella stazione della metropolitana di Prospect Park.

Ed effettivamente Mineo fu ricoverato in ospedale per alcuni giorni. La difesa, però, ha sempre sostenuto l’innocenza di Kern, forte di una mancanza di prove nei suoi confronti.

La vicenda è finita in Tribunale e Kern, se condannato, avrebbe rischiato fino a 25 anni di carcere.

Così non è stato: la giuria della Corte suprema di Brooklyn ha deciso che le prove non erano sufficienti per condannare Richard Kern, che è stato quindi assolto da ogni accusa.

Piuttosto ironico ed amaro il commento di Mineo:

Se vuoi commettere un omicidio entra nella polizia di New York.

Kern, d’altra parte, ha ammesso di sentirsi sollevato:

Sono felice che il sistema funzioni, e’ stata una strada molto lunga ma adesso e’ finita.

Via | Philadelphia Metro

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →