Affari italiani: la nuova Fir inizia… spaccando il Veneto

Nel primo Consiglio Federale dell’era Gavazzi si decide il destino – segnato – del CIV.

Non si presenta certo nel migliore dei modi il nuovo governo ovale dell’Italia. Nel Consiglio Federale in svolgimento oggi e domani, infatti, il primo atto ufficiale del presidente Gavazzi sarà quello di smembrare il CIV, cioè il Comitato Interregionale delle Venezie.

Con una lettera spedita a tutti i club del Friuli Venezia e Giulia, infatti, Alfredo Gavazzi ha espresso la volontà di staccare la regione dal Veneto ovale. La creazione di una delegazione del FVG e lo staccamento dal CIV. Nonostante, va sottolineato, la richiesta di tutti i club friulani di restare nel CIV. Il tutto, come scrive il presidente Gavazzi, verrà ratificato dal Consiglio Federale odierno.

Cosa significa questa mossa? Da un lato, ovviamente, toglie peso politico al Veneto, che si vede depredata dei club e dei voti del Friuli Venezia Giulia, così come della Val d’Adige (comprendendo anche le venete Valpolicella e Verona???). Dall’altra – in vista delle prossime elezioni dei comitati (che si terranno a gennaio!!!) – saranno 1500 i voti che mancheranno. Ciò significa abbassare il quorum per venire eletti. E, soprattutto, significa escludere 1500 voti che lo scorso 15 settembre erano compatti con la cordata di Amerino Zatta.

Commenta questa notizia sul FORUM di RUGBY 1823

 

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter

I Video di Blogo