Cagliari: cercò di uccidere il marito con flebo di mercurio, il pm chiede 12 anni per Maria Loddo

Era il 23 aprile del 2008 quando la signora Maria Loddo, classe 1966, cercò di uccidere il marito, molto più anziano di lei, iniettandogli una dose massiccia di mercurio. L’uomo, che era ricoverato in Pneumologia all’ospedale Binaghi di Cagliari, fu salvato da un’infermiera e la donna, qualche settimana più tardi, fu arrestata con l’accusa di


Era il 23 aprile del 2008 quando la signora Maria Loddo, classe 1966, cercò di uccidere il marito, molto più anziano di lei, iniettandogli una dose massiccia di mercurio.

L’uomo, che era ricoverato in Pneumologia all’ospedale Binaghi di Cagliari, fu salvato da un’infermiera e la donna, qualche settimana più tardi, fu arrestata con l’accusa di tentato omicidio.

Il movente fu presto scoperto. La Loddo aveva un amante, Duilio Fadda, e da tempo esercitava a Quartu un’attività di cui il marito non sapeva nulla: massaggi particolari, sotto falso nome.

In queste settimane si sta svolgendo il processo, con rito abbreviato, che la vede imputata. Ieri l’accusa ha pronunciato la sua arringa, definendo la donna “molto pericolosa e incline al delitto“.

Voleva uccidere il marito, finanziere in pensione, per poter finalmente vivere alla luce del sole la sua relazione con Fadda e continuare con l’attività di massaggi hard.

Per questo l’accusa ha chiesto che la donna venga condannata a 12 anni di carcere. Silvio Manca, il marito, si è costituito parte civile e chiedere un risarcimento di 300mila euro per “l’onore perduto e a quella paura che ancora gli impedisce una vita sociale normale“.

La prossima udienza è fissata per il prossimo 2 marzo, quando prenderà la parola la difesa.

Via | L’Unione Sarda

I Video di Blogo

Video, proteste a Milano: il piccolo (ma rumoroso) corteo in Corso Buenos Aires

Ultime notizie su Inchieste e processi

Tutto su Inchieste e processi →