Gioia Tauro: sequestrati 94 chili di cocaina nel porto

La droga come sempre era nascosta in un container. Appena dieci giorni fa sempre nel porto di Gioia Tauro la Gdf aveva intercettato un altro carico di polvere bianca da 100 chili.

di remar

Ancora un ingente sequestro di cocaina nel porto di Gioia Tauro, che si conferma suo malgrado crocevia del traffico internazionale di stupefacenti, gestito dalle cosche di ‘ndrangheta della Piana. Le fiamme gialle del nucleo di polizia tributaria di Reggio Calabria, del Gico sezione Goa, e funzionari dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, hanno sequestrato questa mattina 94 chili circa di cocaina purissima. La droga era nascosta dentro un container in transito nel porto calabrese, sbarcato dal mercantile Maxine.

All’interno di tre borsoni occultati nel carico, che secondo i documenti doganali era composto da sacchi di semi di trifoglio, sono stati rinvenuti in tre borsoni 85 panetti di droga: se immessa sul mercato avrebbe prodotto guadagni illeciti per oltre 20 milioni di euro secondo i finanzieri. Comparando la documentazione doganale e le caratteristiche fisiche del carico sono sorti dei dubbi sull’effettivo contenuto di quel container, da lì i controlli e la scoperta della coca, di alta qualità e purezza, sottolineano gli investigatori.

Appena dieci giorni fa sempre nel porto di Gioia Tauro la Gdf aveva intercettato un altro carico di polvere bianca da 100 chili. Solo nel 2012 nell’area portuale di Gioia sono stati sequestrati 1.650 chilogrammi di cocaina, circa 600 chili in più rispetto all’anno precedente.

Foto © TMNews

Ultime notizie su Ndrangheta

Tutto su Ndrangheta →