Chiuso in un sacchetto e gettato nel cassonetto: neonato morto, arrestata la madre

Tragico infanticidio a Monteverde. Dopo averlo partorito, lo chiude in una busta di plastica e lo getta in un cassonetto.

Arriva un’agenzia spaventosa. Un neonato è morto dopo essere stato rinchiuso in una busta di plastica e quindi gettato in un cassonetto nei pressi dell’ospedale San Camillo a Roma. La madre, un’italiana di 25 anni, è stata arrestata con l’accusa di infanticidio.

Il corpo senza vita del neonato è stato ritrovato dal personale sanitario del San Camillo avvolto in un lenzuolo all’interno di un sacchetto di plastica. Secondo la ricostruzione, la giovane donna (mamma non si riesce a scriverlo) si era presentata nella tarda serata di ieri al pronto soccorso chiedendo l’intervento del personale sanitario confessando di aver abbandonato il figlio in un cassonetto dopo il parto.

I medici, raggiunto il luogo indicato, hanno trovato il corpo del neonato deceduto, avvolto in un lenzuolo all’interno di un sacchetto di plastica. Del caso si sta occupando la polizia
del commissariato Monteverde che indaga per chiarire l’esatta dinamica della vicenda.