Marianna Madia: sul terremoto “Berlusconi sta facendo bene”

Marianna Madia (gallery fotografica dopo il salto) enfant prodige del Partito Democratico e già simbolo del rinnovamento della sinistra per l’ex-leader Walter Veltroni non è nuova a far parlare di sè. La nota che ha però pubblicato sulla sua pagina di Facebook stavolta è andata oltre, aprendo un dibattito infuocato tra i suoi stessi sostenitori.Il

di luca17

Marianna Madia (gallery fotografica dopo il salto) enfant prodige del Partito Democratico e già simbolo del rinnovamento della sinistra per l’ex-leader Walter Veltroni non è nuova a far parlare di sè. La nota che ha però pubblicato sulla sua pagina di Facebook stavolta è andata oltre, aprendo un dibattito infuocato tra i suoi stessi sostenitori.

Il titolo è Berlusconi sta facendo bene.

Il governo e la protezione civile hanno fatto bene sinora. Nella lunga e travagliata storia dei disastri naturali nel nostro paese non sono mai mancate le polemiche sulla “macchina dei soccorsi”. Da quello che vediamo in tv o leggiamo sui giornali, dalle interviste alle persone, dai racconti di amici e conoscenti abruzzesi, mi sembra che si possa dire che lo Stato italiano abbia agito con prontezza, attenzione ed esperienza. Anche Berlusconi ha, personalmente, lavorato al meglio.

Un Capo di Governo in frangenti come questi, non deve essere soltanto il “capo dei soccorsi”. Deve essere un simbolo, un punto di riferimento per i terremotati, la garanzia vivente che queste persone non saranno lasciate sole.

Tra le prime reazioni: “Le posizioni dell’onorevole Madia sono legittime, ma aberranti. Evidentemente la strategia mediatica disgustosa del governo ha funzionato anche su di lei” (Carmine Paolo De Salvo) “Io riconsegno la tessera ma senti cosa mi tocca sentire se continua cosi il pd confluirà nel pdl” (Enea Volponi) “Questo sbotto apologetico mi dà i brividi sinceramente” (Peppe Frana) e via dicendo (ma anche qualche commento positivo).

Dopo aver mosso una buriana di cento e passa commenti, la Madia ha poi tenuto a precisare:

Dopo 124 commenti a questa nota penso di aver sicuramente centrato l’obiettivo di far discutere. Non voglio difendermi dalle tantissime critiche ma vorrei precisare che il mio giudizio su un anno di governo è pesantissimo e negativo. Le mie considerazioni nascevano dall’esigenza non di esaltare Berlusconi ma un paese che di fronte ad un disastro immane ha reagito bene, nell’organizzazione della macchina dei soccorsi. In quanto al governo il mio è un commento parziale che riguarda solo questi dieci giorni. Adesso ci sono le sfide più grandi, quelle della ricostruzione. Che non si potranno risolvere con le visite ai campi che pure, continuo a pensare, erano un atto dovuto e necessario da parte del premier. Su quelle decisioni che saranno prese a Roma come PD vigileremo con serietà e onestà.

Onestà intellettuale o voglia di visibilità? Ai lettori l’ardua sentenza.

Marianna Madia

Marianna Madia
Marianna Madia
Marianna Madia
Marianna Madia
Marianna Madia
Marianna Madia
Marianna Madia
Marianna Madia
Marianna Madia
Marianna Madia

Foto: dal web