Trani: il rigattiere Tommaso Gallo ucciso a coltellate

L’omicidio è avvenuto nella serata di ieri in via Boccaccio, alla periferia nord della città pugliese della provincia di Barletta-Andria-Trani. Trovata un’impronta insanguinata.

di remar

È stato ucciso a coltellate in casa o comunque sulla porta della sua abitazione Tommaso Gallo, rigattiere 47enne di Trani. L’omicidio è avvenuto nella serata di ieri in via Boccaccio, alla periferia nord della città pugliese della provincia di Barletta-Andria-Trani. Buio sul movente, pochi gli elementi fin qui trapelati, gli investigatori però credono che vittima e assassino si conoscessero.

I vicini del rigattiere hanno raccontato di non aver udito urla o altri rumori sospetti. È stato proprio un vicino che rientrando a casa ha notato il corpo dell’uomo riverso sul marciapiede, appena fuori dal monolocale al pianterreno in cui abitava. Immediato l’allarme ma per Gallo non c’è stato nulla da fare, è morto a causa della forte emorragia provocata dai fendenti scagliati dal killer.

L’uomo, che aveva dei precedenti, sarebbe stato ucciso con numerose coltellate secondo i primi rilievi medico-legali. Delle indagini si stanno occupando i carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale di Bari che avrebbero un importante indizio da cui partire: l’impronta di una scarpa da ginnastica lasciata sulle tracce di sangue presenti sul luogo del delitto. Con ogni probabilità è dell’assassino.

Il rigattiere era originario di Molfetta, nel barese, si era trasferito a Trani da circa 10 anni e abitava da solo. L’inchiesta sull’omicidio è coordinata dal pubblico ministero presso il Tribunale di Trani Simona Merra cha ha disposto l’autopsia sul corpo di Gallo.

Foto © Getty Images