‘Ndrangheta: scomparsa a Milano l’ex collaboratrice di giustizia Lea Garofalo, si teme per il peggio

E’ giallo sulla scomparsa della 36enne Lea Garofalo, ex collaboratrice di giustizia di cui non si hanno più notizie da circa due mesi. La donna in passato aveva fornito informzioni utili sulle cosche della ‘ndrangheta di Petilia Policastro, in provincia di Crotone. La donna aveva anche rivelato particolari sull’omicidio di suo fratello, ucciso in un


E’ giallo sulla scomparsa della 36enne Lea Garofalo, ex collaboratrice di giustizia di cui non si hanno più notizie da circa due mesi. La donna in passato aveva fornito informzioni utili sulle cosche della ‘ndrangheta di Petilia Policastro, in provincia di Crotone.

La donna aveva anche rivelato particolari sull’omicidio di suo fratello, ucciso in un agguato nel 2005, e su quello di Antonio Comberiati, fatto fuori nel 1995.

Dopo che aveva deciso di collaborare con la giustizia, era già stata vittima di un tentativo di sequestro ed omicidio. Era lo scorso maggio e il mandante è risultato essere il 37enne Massimo Sabatino, che al momento si trova in carcere per altri motivi.

Lea aveva chiuso col suo passato nel 2008, quando si era trasferita a Campobasso insieme alla figlia. Ma la ‘ndrangheta – è questo il timore degli inquirenti – potrebbe averla trovata di nuovo e questa volta potrebbe essere successo il peggio.

Di Lea non si hanno più notizie da due mesi: lo scorso dicembre si trovava a Milano, dove avrebbe dovuto testimoniare in aula in un processo contro le cosche calabresi. Non si è mai presentata all’appuntamento e solo ora la notizia è stata diffusa.

Al momento la Procura della Repubblica di Campobasso ha disposto l’arresto del 40enne Carlo Cosco, ex convivente della donna, che potrebbe avere informazioni al riguardo.

Via | ApCom

Ultime notizie su Cold Case

Tutto su Cold Case →