Vuelta 2016, tappa 20: vittoria di Latour, Felline terzo. Quintana trionfa

In classifica generale Nairo Quintana vince la Vuelta davanti a Chris Froome e Johan Esteban Chaves.

Nairo Quintana vince il suo secondo grande giro in carriera: dopo il Giro d’Italia 2014 arriva la Vuelta 2016. Il colombiano ha staccato il rivale più pericoloso, Chris Froome, negli ultimi metri, dopo che il britannico aveva tentato invano più volte di scattare e alla fine si è arreso alla superiorità della Maglia Rossa e lo ha applaudito sul traguardo. Sul podio ci sarà anche un altro colombiano, Esteban Chaves dell’Orica-BikeExchange, che è riuscito a sorpassare Alberto Contador della Tinkoff in classifica generale grazie a una bella azione in salita.
La vittoria della ventesima e penultima tappa, ultima di montagna da Benidorm all’Alto de Aitana (Escuadrón Ejército del Aire), è andata al francese Pierre Latour dell’AG2R La Mondiale che ha staccato nel finale Darwin Atapuma della BMC. Al terzo posto si è piazzato, ancora una volta, Fabio Felline della Trek-Segafredo: è la quarta volta in questa Vuelta (e la quinta sul podio) e gli vale la Maglia Verde, che toglie dalle spalle di Alejandro Valverde, ma domani ci sarà da lottare per difenderla.

Questa la classifica della 20a tappa:

E queste le prime posizioni della classifica generale che domani non dovrebbe più cambiare:
Classifica generale Vuelta 2016

La cronaca della 20a tappa della Vuelta 2016

Vuelta 2016: presentazione della tappa 20

Diretta Vuelta 2016 tappa 20 sabato 10 settembre

La Vuelta 2016 arriva oggi alla sua ventesima e penultima tappa, quella decisiva per la classifica generale e noi la seguiremo in diretta su questa pagina di Blogo dalla partenza, a mezzogiorno e qualche minuto, fino all’arrivo, come sempre intorno alle 17:30 o poco più.

La frazione odierna è lunga 193,2 km e presenta cinque gran premi della montagna, i primi quattro sono tutti di seconda categoria, mentre l’ultimo, quello posto all’arrivo è Hors Catégorie, o Categoria Especial, come si dice in spagnolo, la più dura. Si va da Benidorm all’Alto de Aitana/Escuadrón Ejército del Aire.

Il primo gpm, Coll de Rates, si trova al km 31, è lungo 3 km e ha una pendenza media del 3%, il secondo è l’Alto de Vall de Ebo che i corridori incontreranno al km 62, è lungo 8 km e la pendenza è del 5,4%. Al km 82,6 c’è l’Alto de Tollos, terzo gpm di giornata, il più breve perché è lungo solo 4,1 km, ma ha una pendenza del 5,9%. Al km 148,4 c’è la penultima salita, quella del Puerto de Tudons, di 7,1 km a una pendenza del 5,3%.

Il gpm decisivo per questa Vuelta, quello su cui gli uomini di classifica si daranno battaglia, è l’Alto de Aitana, che si trova all’arrivo ed è lungo ben 21 km a una pendenza media del 5,9%. Sembrerà interminabile sia per chi lotterà per la vittoria di tappa sia per chi si preoccupa della posizione in classifica generale.

In tappe come questa, infatti, è probabile che nel finale ci si ritrovi a vivere una doppia sfida, quella per la vittoria di giornata e quella per la Maglia Rossa e i gradini del podio, ma è anche probabile che gli uomini di classifica decidano di studiare bene tatticamente la tappa fin dall’inizio per ritrovarsi a lottare anche per il successo del giorno.

Si arriva al decisivo appuntamento con la penultima tappa con la Maglia Rossa Nairo Quintana della Movistar che ha un vantaggio di 1’ 21” rispetto a Chris Froome del Team Sky, che ieri ha recuperato 2’ 16” sul colombiano grazie alla vittoria nella cronometro individuale. Al terzo posto c’è Alberto Contador della Tinkoff, che ha 3’ 43” di ritardo, ma ha promesso di non mollare la lotta per i gradini più alto, ma intanto dovrà difendersi anche dai possibili attacchi dell’Orica-BikeExchange che punta al podio con Esteban Chaves, che ora ha un ritardo di 4’ 54” da Quintana e dunque di 1’ 11” rispetto al Pistolero.

Vuelta 2016: planimetria e altimetria tappa 20

I Video di Blogo

Ultime notizie su Vuelta di Spagna

Tutto su Vuelta di Spagna →