Omicidio George Munteanu: prime ammissioni dei due fratelli arrestati. Resi noti i risultati dell’autopsia

Ieri l’arresto e in tarda serata la confessione. I due fratelli fermati con l’accusa di aver ucciso il 15enne romeno George Munteanu avrebbero in parte amesso le loro responsabilità. Catalin, 26 anni, e suo fratello 17enne, sono stati anche ripresi dalle telecamere a circuito chiuso di un free shop, intenti ad acquistare vino un’ora prima


Ieri l’arresto e in tarda serata la confessione. I due fratelli fermati con l’accusa di aver ucciso il 15enne romeno George Munteanu avrebbero in parte amesso le loro responsabilità.

Catalin, 26 anni, e suo fratello 17enne, sono stati anche ripresi dalle telecamere a circuito chiuso di un free shop, intenti ad acquistare vino un’ora prima dell’omicidio, a pochi passi dal luogo dell’aggressione.

Nel frattempo, mentre gli interrogatori vanno avanti, le autorità hanno reso noti alcuni dettagli sui due: il 26enne, incensurato, si trova in Italia da tre anni e lavora come operaio.

Il 17enne, in passato denunciato per reati contro il patrimonio, si trova in Italia da circa 10 anni. Sarebbe stato lui, secondo gli inquirenti, a colpire con tre coltellate alla gola George Munteanu.

E, sempre nella tarda serata di ieri, sono stati resi noti anche i risultati dell’autopsia effettuata sul corpo della vittima: George, prima di essere ucciso, avrebbe cercato di difendersi e, prima di essere accoltellato, sarebbe stato preso a pugni dai suoi aggressori.

Via | La Stampa