British & Irish Lions: Gatland non vuole francesi

Il tecnico ha avvisato i giocatori che militano nel Top 14 che potrebbero non venir convocati.

Come l’Inghilterra lo scorso Sei Nazioni, così anche i British & Irish Lions l’anno prossimo in Australia. Porte chiuse, o quasi, per quei giocatori che militano nel campionato francese. Questo, almeno, è il Gatland pensiero di oggi ed è rivolto principalmente ai suoi ragazzi, cioè ai gallesi del Top 14.

“Non sarà una regola ferrea, ma siamo capaci di prendere decisioni difficili se questo è per il bene della squadra” ha dichiarato Warren Gatland, sottolineando che i giocatori all’estero potrebbero essere l’ultima risorsa in caso di infortuni, ma che lui vuole costruire un gruppo unito fin dalla partenza. Senza sottostare, dunque, ai calendari imposti dai club francesi.

Rischiano, dunque, campioni come Mike Phillips, Gethin Jenkins, James Hook e Lee Byrne. E Warren Gatland passa la palla proprio a loro, ricordando un precedente: “Nel 2009, Nathan Hines ha lasciato Perpignan alla vigilia di una finale, solo perché i Lions avevano un significato troppo grande per lui come giocatore”

Link utili
Gatland nominato coach dei Lions

Tour 2013: tutte le date

Come vedere il rugby in streaming

Commenta questa notizia sul FORUM di RUGBY 1823

 

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter