Affari italiani: da Padova proposte per il futuro ovale

Lettera aperta del Valsugana Rugby Padova e del Valsugana Rugby Junior Padova ai candidati alla presidenza Fir.

Sceglieranno nelle prossime settimane il candidato da appoggiare alle elezioni federali del 15 settembre, ma i club della Valsugana hanno già le idee chiare su cosa si aspettano dalla nuova dirigenza federale. Che abbia una visione più ampia rispetto al passato e che sia di stimolo e aiuto a chi si occupa di rugby di base e giovanile. Come scrivono in una lettera aperta ai candidati che riporto qui sotto.

Le seguenti note costituiscono spunti di riflessione che due ASD – Valsugana Rugby Padova e Valsugana Rugby Junior Padova – intendono offrire al movimento rugbistico italiano in vista delle prossime elezioni federali, in programma il 15 settembre 2012. Le nostre riflessioni sono il risultato di un’attenta valutazione operata alla luce del progetto formativo che perseguiamo da tempo e che punta alla qualità. Sono aperte, ovviamente, al contributo di tutti coloro che operano con lo stesso obiettivo, cioè lo sviluppo del movimento di base.

Pubblicazione tempestiva dei bilanci federali, consuntivi e preventivi, con spiegazione delle scelte effettuate per ogni singolo capitolo, come avviene per le altre Unions (es. RFU, FFR, IRFU ecc.).

Chiarire la missione dei Comitati Regionali e ottimizzare la loro gestione finanziaria.

Diversa distribuzione delle risorse federali, con maggiori contributi per il lavoro di qualità nel territorio (club), in modo da ampliare la base per successive selezioni. Sostegno tecnico e riconoscimento economico per il lavoro di qualità svolto nei club, con monitoraggio basato su parametri oggettivi.

Migliorare i contributi per l’impiantistica (campi, illuminazione, infrastrutture). Valutare gli obiettivi programmati e i finanziamenti previsti per premiare solo chi realizza effettivamente i progetti finanziati.

Lasciare ai club tutta la formazione degli atleti fino all’Under 17, con risparmio di costi ed evitando così di escludere dai progetti federali i giocatori che, per varie ragioni, non entrano nelle attuali Accademie. Investire maggiormente nella formazione dei tecnici che operano nei club, con la supervisione dei Comitati Regionali.

Più tecnici federali a disposizione dei club, con monitoraggio anche dell’attività di minirugby.

Organizzazione di scambi tecnici con realtà europee di alto livello, favorendo lapartecipazione di tecnici dei club, oltre a quelli federali.

Ripristino del campionato Under 18, per riempire il gap attuale fra Under 16 eUnder 20. Ovvero Under 17 se, come auspichiamo, si ritorna alle categorie dispari.

Favorire la creazione di GDA (gruppi di acquisto) a livello provinciale perl’acquisto di materiale tecnico.

APPENDICE TECNICA

Stesura di un programma tecnico nazionale per il minirugby, con produzione di materiale illustrativo da consegnare durante il primo momento agli aspiranti educatori, insieme ai principi e alle metodologie di allenamento da perseguire, epubblicazione di questi contenuti su un sito web pubblico.

Allineare l’organizzazione delle categorie giovanili agli standard dei paesi europeirugbisticamente più avanzati (Under 7, 9, 11, 13, 15…).

Valutare l’introduzione del parametro peso, oltre al parametro età, per lasuddivisione dei ragazzini nelle varie categorie.

Introdurre il gioco al piede a partire dall’Under 9.

Revisione dei calendari delle attività agonistiche giovanili, per sfruttare maggiormente il periodo primaverile ed estivo, e inserire più lunghe pause nelperiodo invernale (dicembre-febbraio). Durante l’inverno si potrebbero proporre aiclub attività diversificate in palestra, scambi interdisciplinari con altri sportindividuali o collettivi (nuoto, atletica, ginnastica, basket, pallamano, arti marzialiecc.), e momenti di formazione per educatori e dirigenti.

Stesura di un piano per l’introduzione massiva del touch e del tag rugby nellescuole primarie e secondarie di primo grado (elementari e medie), favorendo lanascita di squadre scolastiche sotto la supervisione della FIR e dei club.

Favorire la diffusione del rugby seven (sport olimpico) con iniziative checoinvolgano le categorie a partire dall’Under 13.

VALSUGANA RUGBY PADOVA

VALSUGANA RUGBY JUNIOR PADOVA

Commenta questa notizia sul FORUM di RUGBY 1823

 

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter