Gianni Vattimo candidato alle Europee con Di Pietro

Il filosofo Gianni Vattimo, candidato a Strasburgo nel 2004 per i Comunisti italiani, correrà alle prossime Elezioni europee sotto le bandiere dell’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro, che sembra intenzionato a darsi da fare per raggiungere un risultato ancora migliore di quello preannunciato dai sondaggi. Nell’annunciare la cosa, La Stampa di Torino evidenzia che


Il filosofo Gianni Vattimo, candidato a Strasburgo nel 2004 per i Comunisti italiani, correrà alle prossime Elezioni europee sotto le bandiere dell’Italia dei Valori di Antonio Di Pietro, che sembra intenzionato a darsi da fare per raggiungere un risultato ancora migliore di quello preannunciato dai sondaggi.

Nell’annunciare la cosa, La Stampa di Torino evidenzia che tra il raffinato intellettuale e il contadino in trattore e canottiera pare esser nato un feeling che può esser narrato sotto il sempiterno titolo: intellettuali e popolo. Vattimo si premura di chiarire, a proposito di Tonino Di Pietro, che di lui si dice analfabeta ma non è affatto così bestia come dicono. E avevo già deciso di votarlo. Tra l’altro, in alcune formazioni che avrei potuto votare, per esempio quella di Claudio Fava, corrono uomini come Bobo Craxi….

Gianni Vattimo non ha una buona opinione neppure del Partito democratico, che giudica soltanto una Democrazia cristiana maggiore, che non concorre realmente con il centrodestra ed accetta totalmente le pretese della Chiesa. Il Pdl esce ancora più malconcio dalle valutazioni del filosofo, che ritiene quella destra “moralmente repellente”: Quanto alla destra conservatrice, onesta, lei l’ha sentita, al congresso del Pdl? Io no. Non ho ascoltato alcun discorso onesto, per esempio, sulla crisi. L’unico che ne ha parlato, ed è infatti il migliore tra loro, è stato Giulio Tremonti, però che vuole, poi anche lui è un amico delle banche…

I Video di Blogo

Il video degli sciatori ammassati nella funivia a Cervinia