Belgio: Ronald Janssen, l’insegnante sospetto serial killer, un nuovo caso Dutroux?

Un nuovo caso Dutroux? È la domanda che un po’ tutti in Belgio, ma non solo, si fanno in questi giorni. Il professor Ronald Janssen ha infatti già confessato tre omicidi – di due fidanzati e di una ragazza di 18 anni – ma agli inquirenti avrebbe raccontato di avere ucciso ancora. Altri omicidi e

Un nuovo caso Dutroux? È la domanda che un po’ tutti in Belgio, ma non solo, si fanno in questi giorni. Il professor Ronald Janssen ha infatti già confessato tre omicidi – di due fidanzati e di una ragazza di 18 anni – ma agli inquirenti avrebbe raccontato di avere ucciso ancora. Altri omicidi e violenze sessuali ai danni di giovani donne, dai 15 ai 28 anni, commessi nel corso degli anni ’90.

Massima cautela per ora da parte degli investigatori ma il procuratore di Bruges, Jean-Marie Berkvens, ha fatto sapere di voler fare chiarezza su eventuali legami con due omicidi avvenuti anni fa e rimasti irrisolti: quello di Carola Titze, 16 anni, e di Ingrid Caeckaert, 26 anni.

Janssen, 38 anni, stimato insegnante di disegno tecnico, divorziato e padre di due figli, era finito dietro le sbarre la scorsa settimana con l’accusa di aver ucciso con diversi colpi di arma da fuoco Shana Appeltans, 18 anni, e il suo ragazzo Kevin Paulus, 20 anni, suoi vicini di casa a Loksbergen.

I corpi dei due giovani furono ritrovati nella notte a cavallo tra l’1 e il 2 gennaio all’interno della loro auto, data alle fiamme, ad Hasselt, cittadina a 60 chilometri da Bruxelles. Alla polizia l’uomo avrebbe detto di averli uccisi perché il ragazzo lo “molestava”.

In carcere, l’insospettabile prof, descritto da colleghi e studenti come persona tranquilla affabile e simpatica, ha confessato anche il rapimento e l’omicidio di Annick Van Uytsel, 18 anni, scomparsa nell’aprile 2007 e ritrovata morta in un canale. Il suo corpo, chiuso in un sacco di plastica, era trattenuto sul fondo da grosse pietre.

Annick era stata vista per l’ultima volta ad una festa cui, come detto all’epoca da alcuni testimoni, era presente il professore. Ma c’è di più: un’antenna vicina all’abitazione di Ronald Janssen aveva intercettato l’ultimo segnale del gsm di Annick. Quella pista venne però scartata…

“L’uomo non aveva un profilo tale da essere perseguito, e nessuno nel suo entourage immaginava che potesse essere capace di simili cose” ha dichiarato il procuratore titolare dell’inchiesta, Ivo Carmen.

“L’omicidio di Annick era perfetto, così perfetto che nessuno può credere che sia stato il primo”, ha scritto De Standaard. Vi terremo aggiornati.

Via | Europe 1

I Video di Blogo

Gli ultimi minuti di vita di George Floyd

Ultime notizie su Serial Killer

Tutto su Serial Killer →