Affari italiani: Como, una petizione per il campo

La società lariana lancia una raccolta di firme con lo slogan “In campo per il campo”.

Continua la “caccia” del Rugby Como a un campo da riservare alla pratica del rugby. La società lariana, dopo i primi contatti con la nuova amministrazione, che hanno avuto un esito almeno in parte incoraggiante, sceglie di percorrere anche la strada della petizione pubblica.

“In campo per il campo”, organizzando una raccolta di firme che sarà inaugurata sabato 28 luglio con la presenza di uno stand in piazza Boldoni, dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Diverse iniziative collaterali caratterizzeranno questa giornata e il prosieguo dell’iniziativa, che andrà avanti fino al 28 settembre. Lo scopo è quello di sensibilizzare la popolazione, e ottenerne l’appoggio, su una esigenza che si fa sempre più pressante: Como è rimasto l’unico capoluogo lombardo a non avere un campo riservato al rugby, e questo anche se in altre realtà (come Cremona e Lodi) la pratica di questo sport è stata avviata da poco tempo e con un numero di tesserati decisamente inferiore a quello del Rugby Como. Sono 220, infatti, gli atleti dai sei anni affiliati al club locale, che, oltre alla prima squadra, mette in campo tutte le categorie di età: la “neonata” Under 19 e, a scendere, Under 16, Under 14 (addirittura con due squadre), Under 12, Under 10 e Under 8.

E’ facile immaginare le difficoltà derivanti dal fatto di dover condividere con l’atletica leggera un campo (di proporzioni inadeguate) per gli allenamenti, e con le società calcistiche un altro campo per le partite dei vari campionati, sempre più numerose. Per questo il Rugby Como – ben conscio del fatto che la situazione economica attuale non consente al Comune di realizzare un nuovo impianto – chiede di poter stipulare una convenzione per avere un campo comunale da dedicare solo alla palla ovale, impegnandosi a eseguire una serie di migliorie che vanno ben oltre la manutenzione ordinaria.

RUGBY 1823 è anche su Facebook

RUGBY 1823 è anche su Twitter