Europei Atletica Amsterdam 2016: tutti i risultati e le medaglie del 7 luglio

Matteo Galvan ha stabilito il nuovo record italiano nei 400 m, nella stessa gara al femminile Libania Grenot è stata la migliore in semifinale.

Nella seconda giornata degli Europei di Atletica leggera 2016 ad Amsterdam per l’Italia le note più positive arrivano da Matteo Galvan, che si è qualificato alla finale dei 400 m con il nuovo record italiano, e Libania Grenot, che ha superato le semifinali dei 400 m femminili con il miglior tempo (50.43) che è anche la miglior prestazione europea di questa stagione. Nella stessa gara dell’italo-cubana non è riuscita invece a qualificarsi Maria Benedicta Chigbolu, che ha ottenuto solo il 16° tempo correndo in 52.69.

Delusione invece nella finale del salto in alto femminile dove Desirée Rossit e Alessia Trost sono arrivate entrambe seste fermandosi a 1.89. L’oro è andato alla spagnola Ruth Beitia che ha saltato 1.98, suo miglior personale, poi l’argento a pari merito per la bulgara Mirela Demireva e la lituana Airine Palšyte che hanno saltato fino a 1.96.

Nella finale del salto in lungo maschile l’azzurro Lamont Marcell Jacobs è arrivato undicesimo con un salto di 7.59 (vento +0.4). L’oro è andato al campione del mondo in carica, il britannico Greg Rutherford che ha saltato 8.25 (00.5 di vento), argento allo svedese Michel Tornéus che ha ottenuto la sua miglior prestazione stagionale saltando 8.21 (+2.1) e bronzo per ghanese naturalizzato olandese Ignisious Gaisah che ha saltato 7.93.

Nella finale del getto del peso femminile non c’erano azzurre in gara e l’oro è andato alla tedesca Christina Schwanitz con una misura di 20.17 davanti all’ungherese Anita Márton (18.72) e alla turca Emel Dereli (18.22). Niente italiane anche nella finale dei 200 m vinta dalla britannica Dina Asher-Smith con un tempo di 22.37, suo nuovo miglior personale, davanti a Ivet Lalova-Collio, moglie dell’italiano Simone Collio, anch’essa al suo personal best con un tempo di 22.52, bronzo invece per la tedesca Gina Lückenkemper in 22.74.

Non c’erano italiani neanche nella finale del lancio del giavellotto vinta dal lettone Zigismunds Sirmais che ha stabilito il suo nuovo miglior personale con un lancio da 86.66, argento per il ceco Vítezslav Veselý (83.59) e bronzo per il finlandese Antti Ruuskanen (82.44).

Questa mattina Sonia Malavisi non ce l’ha fatta a qualificarsi alla finale del salto con l’asta essendosi fermata a 4.20, misura che le vale solo il 20° posto. Bene invece Davide Manenti e Antonio Infantino che hanno staccato il pass per le semifinali dei 200 m rispettivamente con il quinto (20.82) e il nono (20.99) tempo. Nelle batterie del 800 m abbiamo assistito alla qualificazione alle semifinali di Jacopo Lahbi con il quarto tempo complessivo, 1:47.27, suo nuovo miglior personale, e di Giordano Benedetti, il cui tempo di 1:50.74 è il 24° crono, ma passa il turno in quanto terzo della sua batteria.

Gloria Hooper si è riscattata dalla delusione di ieri nei 200 e nelle batterie dei 100 m ha ottenuto il sesto tempo complessivo correndo in 11.40. Anche Irene Siragusa si è qualificata alle semifinali con l’undicesimo tempo (11.55).

Nella sessione pomeridiana è arrivato il nuovo record italiano nei 400 m firmato in semifinale da Matteo Galvan che ha corso in 45.12, più veloce di lui solo il britannico Martyn Rooney (45.04). Nei 400 ostacoli, invece, Mario Lambrughi, nonostante il suo nuovo miglior personale (49.60) non è riuscito a ottenere la qualificazione alla finale, visto che in undici hanno corso meglio di lui; nella stessa gara José Bencosme ha ottenuto il 16° tempo (49.77) e Mattia Contini il 21° (50.78).

Yusneysi Santiusti si è qualificata alla finale degli 800 m arrivando seconda nella propria batteria con un tempo di 2:02.21, che in totale è stato il 12° delle semifinali.
Hannes Kirchler si è qualificato alla finale del lancio del disco con la dodicesima e ultima misura utile (63.74), mentre non ce l’ha fatta a ottenere il pass per la finale dei 100 m ostacoli Giulia Pennella, che in semifinale ha ottenuto solo il 22° e penultimo tempo (13.55). L’oro dei 100 m ostacoli è poi andato alla tedesca Cindy Roleder che correndo in 12.62 ha registrato la migliore prestazione europea stagionale, l’argento è andato alla bielorussa Alina Talay (12.68) e bronzo alla britannica Tiffany Porter (12.76).

Nelle qualificazioni dei 1500 m maschili l’azzurro Mohad Abdikadar è il primo degli esclusi con il 17° tempo (3:42.91), fuori anche Marco Pettenazzo con il 31° tempo (3:45.65) e Joao Bussotti con il 35° (3:50.58).

Il belga Thomas van der Paletsen ha vinto l’oro nel decathlon con 8218 punti davanti al ceco Adam Helcelet (8157, miglior prestazione stagionale per lui) e al serbo Mihail Dudas (8153 punti).

Nelle semifinali dei 100 m Filippo Tortu ha stabilito il suo nuovo miglior personale correndo in 10.19, nono tempo in totale, che però non gli è bastato per qualificarsi per la finale. Massimiliano Ferraro ha eguagliato il proprio personal best di 10.26, ma è stato solo il 13° crono delle semifinali. La gara dei 100 m è stata quella che ha chiuso la giornata e ha visto il trionfo al fotofinish dell’olandese Churandy Martina con un tempo di 10.07, suo miglior stagionale, argento per il turco Jak Ali Harvey (10.07) e bronzo per il francese Jimmy Vicaut (10.08).

Europei Atletica Amsterdam 2016: medaglie del 7 luglio

Getto del peso – Donne
Oro: Christina Schwanitz (Germania)
Argento: Anita Márton (Ungheria)
Bronzo: Emel Dereli (Turchia)

Salto in alto – Donne
Oro: Ruth Beitia (Spagna)
Argento: Mirela Demireva (Bulgaria)
Bronzo: Airine Palšyte (Lituania)

Salto in lungo – Uomini
Oro: Greg Rutherford (Gran Bretagna)
Argento: Michel Tornéus (Svezia)
Bronzo: Ignisious Gaisah (Olanda)

Lancio del giavellotto – Uomini
Oro: Zigismunds Sirmais (Lettonia)
Argento: Vítezslav Veselý (Repubblica Ceca)
Bronzo: Antti Ruuskanen (Finlandia)

200 m Donne
Oro: Dina Asher-Smith (Gran Bretagna)
Argento: Ivet Lalova-Collio (Bulgaria)
Bronzo: Gina Lückenkemper (Germania)

100 m ostacoli Donne
Oro: Cindy Roleder (Germania)
Argento: Alina Talay (Bielorussia)
Bronzo: Tiffany Porter (Gran Bretagna)

Decathlon
Oro: Thomas van der Paletsen (Belgio)
Argento: Adam Helcelet (Repubblica Ceca)
Bronzo: Mihail Dudas (Serbia)

100 m Uomini
Oro: Churandy Martina (Olanda)
Argento: Jak Ali Harvey (Turchia)
Bronzo: Jimmy Vicaut (Francia)