‘Ndrangheta, Catanzaro: 43 arresti per traffico internazionale di droga

Durante le indagini le forze dell’ordine hanno sequestrato 60 chilogrammi di cocaina e 250 di hascisc.

di remar

Update – Su 43 indagati 39 sono finiti in carcere, gli altri ai domiciliari, 3 arresti sono stati eseguiti in Spagna, a Barcellona, su mandato di cattura europeo. Sono i numeri dell’operazione Cicala che ha sgominato una vera e propria holding del traffico di droga. Secondo gli inquirenti della Direzione distrettuale antimafia reggina al vertice dell’organizzazione decapitata con gli arresti di oggi ci sarebbe stato Pasquale Cicala, 56 anni, presunto esponente di rilievo nel nord Italia della cosca Pesce-Bellocco di Rosarno (Reggio Calabria), una delle più potenti della ‘ndrangheta. Da qui il nome dell’operazione. Secondo le indagini un broker faceva base in Spagna da dove gestiva e organizzava il traffico di droga che probabilmente arrivava dalla Colombia per essere poi smerciata nel nord Italia e in Calabria. Cocaina e hashish varcavano i nostri confini quasi sempre a bordo di autotreni, considerati evidentemente i mezzi più adatti. I nomi di tutti gli arrestati potete leggerli su Cn24tv.

Quarantatré persone sono state arrestate questa mattina dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Catanzaro per le accuse di un traffico internazionale di droga con la Spagna e la Colombia. Durante le indagini le forze dell’ordine hanno sequestrato 40 chilogrammi di cocaina e 250 di hascisc.

In manette sono finiti anche presunti affiliati alle cosche di ‘ndrangheta di San Luca, Locri, Siderno e Gioiosa Ionica ed esponenti di cosche della mafia calabrese che da tempo hanno messo radici in Lombardia e Piemonte. L’inchiesta è stata coordinata dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria.

(in aggiornamento)

Foto | © TMNews

Ultime notizie su Ndrangheta

Tutto su Ndrangheta →