Caos vaccini, presidi: “non accetteremo autocertificazioni”. Il Ministro Bussetti: “preoccupazioni da considerare”

I dirigenti scolastici non sono disposti ad accettare autocertificazioni: “la legge in vigore è la legge Lorenzin”

Sul caos vaccini interviene il Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti: “È opportuno considerare le preoccupazioni dei dirigenti scolastici, che costituiscono snodo fondamentale per il sistema di istruzione e formazione”.

I presidi hanno fatto sapere che a settembre non accetteranno autocertificazioni perché la circolare emanata il mese scorso dall’attuale Ministro della Salute Giulia Grillo non basta: la legge in vigore a cui i dirigenti scolastici intendono rifarsi è quella Lorenzin che obbliga a presentare la documentazione comprovante le vaccinazioni obbligatorie per l’iscrizione e la frequenza scolastica.


In qualità di pubblici ufficiali i presidi potranno essere soggetti a denunce qualora non facessero rispettare la legge. Il decreto Milleproroghe, con le novità sui vaccini del governo gialloverde, è passato al Senato ma sarà approvato dalla Camera dei deputati solo alla riapertura a settembre quindi a livello normativo tutto resta fermo a un anno fa, spiegano ancora i dirigenti scolastici.

Su Facebook il Ministro Bussetti parlando delle autocertificazioni per i vaccini riconosce che: “Certamente la dirigenza scolastica non può essere gravata di incombenze in materia sanitaria. La questione vaccinale è tema di salute pubblica”. Vedremo cosa replicherà il Ministro della salute Giulia Grillo che già oggi aveva definito incomprensibile la ribellione dei presidi sulla questione vaccini.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →