Migranti, nuovi sbarchi a Lampedusa. Salvini: “Saranno rimandati a casa”

“Hanno sprecato soldi, tempo e fatica, verranno rimandati a casa nei prossimi giorni! In Italia si entra col permesso, la pacchia è finita”

Il pugno duro del Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha spinto ormai da giorni le nave delle Ong che salvano vite nel Mar Mediterraneo ad evitare l’Italia – il rischio di rimanere in stallo per giorni, perdendo così tempo prezioso per soccorrere altre persone, era diventato troppo alto – e dirigersi verso la Spagna, ma questo non significa che gli sbarchi in Italia siano terminati. Anzi, tutt’altro.

Gommoni e imbarcazioni di fortuna cariche di migranti stanno continuando a sbarcare sulle coste italiane, dall’isola di Lampedusa alla Calabria, passando per la Sardegna. Piccoli gruppi di persone che riescono ad evitare di venir intercettati e arrivano così sani e salvi in Italia. Solo negli ultimi due giorni almeno 135 persone sono arrivate a Lampedusa a bordo di tredici diverse imbarcazioni di fortuna.

Tra le 100 e le 150 persone sbarcherebbero ogni giorni sulle coste italiane, con imbarcazioni meno improvvisate rispetto a quelle che generalmente affondano durante la lunga traversata, spesso piccoli velieri in buone condizioni per migranti disposti a pagare cifre più alte, fino a 5mila euro per raggiungere l’Italia dalla Tunisia.

Stamattina, dopo aver taciuto per qualche ora sulla questione dei migranti – per dedicarsi a smentire l’aumento delle aggressioni razziste in Italia – il Ministro dell’Interno Matteo Salvini ha ribadito per l’ennesima volta che “la pacchia è finita” con tanto di sorriso a 32 denti:

Nelle ultime ore sono sbarcati a Lampedusa 135 immigrati, quasi tutti tunisini, su 13 barchini. Hanno sprecato soldi, tempo e fatica, verranno rimandati a casa nei prossimi giorni!
In Italia si entra col permesso, la pacchia è finita.

Nelle ultime ore sono sbarcati a Lampedusa 135 immigrati, quasi tutti tunisini, su 13 barchini.
Hanno sprecato soldi,…

Posted by Matteo Salvini on Friday, August 3, 2018

I Video di Blogo

Ultime notizie su Immigrazione

Tutto su Immigrazione →