Rocco Casalino al giornalista del Foglio: “Ora che chiude, cosa fai?”

Il portavoce del Presidente del Consiglio ha detto che scherzava.

Una battuta o un’intimidazione? A tenere banco oggi nell’ambiente giornalistico è il “caso” della frase detta ieri pomeriggio da Rocco Casalino, portavoce del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, a un giornalista del Foglio, Salvatore Merlo. Durante i festeggiamenti fuori da Montecitorio per l’approvazione della delibera di Roberto Fico sul taglio dei vitalizi degli ex deputati, Casalino ha detto a Merlo:

“Adesso che il Foglio chiude, che fai? Mi dici dici a che serve il Foglio? Non conta nulla… Perché esiste?”

Il cronista, che ieri sera tardi è stato ospite di Linea Notte su Raitre ha definito la frase di Casalino un’intimidazione ed è così scoppiata la polemica. Le opposizioni del governo, infatti, si sono subito fatte avanti a sostegno del giornalista del quotidiano fondato da Giuliano Ferrara e diretto da Claudio Cerasa. Guido Crosetto, di Fratelli d’Italia, ha scritto su Twitter:

“Per quanto non condivida parte della linea editoriale del Foglio e molte delle posizioni di Claudio Cerasa, questa mattina sono corso a comprarne una copia ed oggi pomeriggio farò l’abbonamento on-line. Mi hanno convinto a farlo le parole di Rocco Casalino”

Michele Anzaldi del PD chiede all’Ordine dei Giornalisti di Milano di aprire un’istruttoria e chiede anche al Presidente della Camera Fico di intervenire, visto che “siamo di fronte ad un atteggiamento inaccettabile da parte di chi viene pagato con i soldi degli italiani per occuparsi della comunicazione ufficiale del governo e invece utilizza il suo potere per indirizzare minacce contro la libera informazione”

Il diretto interessato Casalino si è difeso dicendo:

“Era solo una battuta rivolta al giornalista del Foglio, in un momento informale di festeggiamenti per i vitalizi. Sono certo che Merlo ne fosse ben consapevole, considerando che ho specificato anche con lui che stavo scherzando. Credo fortemente nella libertà di stampa e nel pluralismo dell’informazione, sono il primo a volere che ci siano più mezzi di informazione possibili, ovviamente abolendo il finanziamento pubblico”

Anche Beppe Grillo ha spesso “scherzato” con i giornalisti del Foglio dicendo che il loro giornale presto sarà chiuso, alludendo all’abolizione dei finanziamenti pubblici, solo che nel caso del fondatore del MoVimento 5 Stelle l’atteggiamento sembrava effettivamente più scherzoso, in quello di Casalino, invece, soprattutto considerato che ora ricopre un ruolo istituzionale, la polemica era inevitabile.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →