World Grand Prix Volley 2016: le azzurre vincono in rimonta contro la Turchia

Domani, alle 13:30, l’ultimo appuntamento delle azzurre con il Belgio.

La nazionale italiana di pallavolo femminile ha ottenuto oggi la sua terza vittoria al World Grand Prix 2016 battendo ad Ankara le padrone di casa della Turchia in rimonta per 3-1. Dopo un primo set “bruttino”, le azzurre si sono rimboccate le maniche e hanno fatto vedere i loro lati migliori, non lasciando più scampo alle turche che, di fatto, non sono state più pericolose per tutto il resto del match.

L’Italia è scesa in campo con il sestetto titolare composto da Malinov al palleggio, Egonu opposto, Del Core e Ortolani in banda, Chirichella e Danesi al centro più De Gennaro libero, mentre la Turchia ha schierato una formazione “sperimentale” con Aydınlar in regia, Uslupehlivan opposto, Baladın e Yıldırım in banda, Akman e Yurtdagülen al centro più Hatice Gizem Örge libero.

Nel primo set c’è stato sostanziale equilibrio e nessuna delle due squadre ha particolarmente brillato. La Turchia è arrivata in vantaggio di un punto al primo time-out tecnico (8-7) e l’Italia ha fatto lo stesso alla seconda pausa obbligatoria (15-16). Al rientro in campo le azzurre sono andate avanti fino al +3 (15-18), ma hanno subìto un black-out che è costato loro un parzialino di 0-4 e così la Turchia è tornata in vantaggio 19-18, poi nel finale ha allungato e ha chiuso sul 25-21.

Anche l’inizio del secondo set è stato equilibrato e ha visto di nuovo la Turchia avanti 8-7 alla prima pausa tecnica, ma l’Italia è subito passata in vantaggio alla ripresa del gioco e le turche hanno dovuto chiedere il time-out discrezionale sul 10-13. Al rientro in campo l’ace di Chirichella ha portato l’Italia sul +4 (10-14), ma la Turchia si è rapidamente riportata a -1 (14-16), poi le azzurre hanno trovato il break a ridosso del secondo time-out tecnico (14-16). Dal 17-18 al 20-21 c’è stata una breve lotta punto a punto che si è risolva a favore dell’Italia che ha allungato trovando tre palle-set (21-24), nessuna annullata prima del 21-25 finale.

Nel terzo set ancora un inizio all’insegna dell’equilibrio, ma questa volta è stata l’Italia ad arrivare in vantaggio alla prima pausa obbligatoria (7-8). Le azzurre sono riuscite a restare a lungo in vantaggio trovando anche il +3 (dal 10-13 al 12-15), ma le turche hanno pareggiato sul 15-15 e poi sono riuscite ad arrivare in vantaggio al secondo time-out tecnico (16-15). L’Italia però non ha pagato il black-out come nel primo set e dal 17-17 ha trovato trovato sei punti consecutivi (17-23) e dopo averne lasciato solo un altro alle padrone di casa, ha conquistato sei palle-set (18-24), una sola annullata prima del 19-25 firmato da Sylla.

Nel quarto set ottimo inizio dell’Italia, tanto che la Turchia ha dovuto chiedere il time-out discrezionale già sul 3-6, ma non è cambiato molto visto che le azzurre sono arrivate alla prima pausa tecnica sul +4 (4-8) e alla seconda sul +6 (10-16) dopo aver toccato anche quota +7 (4-11). La Turchia è riuscita a riavvicinarsi fino al -4 (12-16) e Bonitta ha chiamato il time-out anche perché nel frattempo Malinov si era fatta male scendendo dal muro: la punta delle treccia di Chirichella le è finita nell’occhio destro e ha avuto bisogno del collirio. Alla ripresa del gioco le azzurre hanno ripreso a macinare punti arrivando fino al +8 (12-20) che hanno mantenuto fino alla fine quando hanno ottenuto otto palle-match con Sylla, solo la prima annullata da un errore al servizio di Chirichella prima del punto finale di Diouf per il 17-25.

Risultato finale: Turchia-Italia 1-3 (25-21, 21-25, 19-25, 17-25)

Domani ultimo appuntamento per le azzurre in questo World Grand Prix 2016, alle ore 13:30 italiane contro il Belgio. L’Italia è ormai matematicamente eliminata dalla Final Six di Bangkok, perciò da lunedì potrà concentrarsi solo ed esclusivamente sulle Olimpiadi di Rio.

Foto © FIVB