Giro del Delfinato 2016: a Jesús Herrada la seconda tappa, Contador sempre leader | Video

Lo spagnolo si è piazzato davanti a Tony Gallopin.

Lo spagnolo della Movistar Jesús Herrada si è aggiudicato la seconda tappa in linea del Giro del Delfinato 2016, quella da Crêches-sur-Saône a Chalmazal-Jeansagnière, lunga 168 km con quattro gran premi della montagna, due di terza categoria e due di prima. L’arrivo è stato in salita, anche se non durissima, e infatti a trionfare non è stato uno scalatore pure. Herrada ha tagliato il traguardo con due secondi di vantaggio su un ristretto ma allungato gruppo di una trentina di corridori. Lo spagnolo fa un balzo in classifica generale e sale dal decimo al sesto posto, guadagnando, grazie agli abbuoni, 12” rispetto al leader che è sempre Alberto Contador della Tinkoff, il vincitore del cronoprologo.

Escono invece dalla top-ten della generale Wouter Poels del Team Sky e Romain Bardet dell’AG2R La Mondiale, che si sono attardati e hanno tagliato il traguardo rispettivamente con 1’ 40” e con 45” di ritardo rispetto a Herrada.

Per quanto riguarda la tappa odierna, subito dopo la partenza c’è stato un primo tentativo di fuga animato da sette uomini, ma la Tinkoff lo ha annullato praticamente subito. C’è stato qualche altro attacco di poca importanza poi, sul primo gpm di Col de Durbize hanno allungato sei uomini: Alexey Lutsenko dell’Astana, che poi si è fatto riprendere poco dopo, Daniel Teklehaimanot della Dimension Data, Alexis Gougeard dell’AG2R La Mondiale, Lilian Calmejane della Direct Energie, Jack Bauer della Cannondale e Bartosz Huzarski della Bora-Argon 18. Questi ultimi cinque sono stati i fuggitivi di giornata e per gran parte della loro avventura hanno avuto un vantaggio di circa cinque minuti sul gruppo della Maglia Gialla. Teklehaimanot si è aggiudicato i primi due gpm di terza e seconda categoria (Col de Durbize al km 13,5 e Col del Croix Nicelle al km 52) mentre Gougeard ha transitato per primo sulla Côte de Saint-Georges-En-Couzan al km 154 e Herrada si è preso i due punti sull’arrivo di Chalmazal-Jeansagnière. Contador conserva ancora la Maglia a Pois con 10 punti davanti a Richie Porte della BMC che ne ha 8 e Teklehaimanot che ne ha 7 (e l’ha vinta lo scorso anno).

Lungo la salita di Chalmazal-Jeansagnière prima Gougeard e poi Huzarski hanno perso contatto con la testa della corsa, mentre dal gruppo si sono lanciati in contrattacco Jerome Coppel della IAM e Cyril Gautier dell’AG2R La Mondiale che però sono stati ripresi dopo poco. Ci hanno provato in contropiede anche Mikel Landa del Team Sky, Daniel Navarro della Cofidis e Sebastien Reichenbach della FDJ, ma non hanno avuto fortuna. Reichenbach ci ha provato anche in un tentativo successivo con Sergio Henao del Team Sky, ma poco prima dell’ultimo chilometro sono stati ripresi dal gruppo.

Negli ultimi metri Herrada ha ottimizzato il lavoro dei suoi compagni, soprattutto di Dani Moreno che lo ha messo in ottima posizione, e ha bruciato tutti tagliando il traguardo con due secondi di anticipo rispetto al resto del gruppo dei migliori.

Questi i primi dieci oggi al traguardo di Chalmazal-Jeansagnière:
1) Jesús Herrada (Movistar) 4h 13’ 43”
2) Tony Gallopin (Lotto Soudal) +2”
3) Serge Pauwels (Dimension Data) +2”
4) Fabrice Jeandesboz (Direct Energie) +2”
5) Daniel Moreno (Movistar) +2”
6) Bauke Mollema (Trek-Segafredo) +2”
7) Greg Van Avermaet (BMC) +2”
8) Chris Froome (Team Sky) +2”
9) Valerio Conti (Lampre-Merida) +2”
10) Joaquim Rodriguez (Team Katusha) +2”

E queste le prime posizioni della classifica generale dopo cronoprologo e prime due tappe in linea:
1) Alberto Contador (Tinkoff) 8h 53’ 14”
2) Richie Porte (BMC) +6”
3) Chris Froome (Team Sky) +13”
4) Daniel Martin (Etixx-Quick Step) +21”
5) Julian Alaphilippe (Etixx-Quick Step) +24”
6) Jesús Herrada (Movistar) +27”
7) Adam Yates (Orica GreenEdge) +31”
8) Diego Rosa (Astana) +37”
9) Daniel Navarro (Cofidis, Solutions Crédits) +43”
10) Bauke Mollema (Trek-Segafredo) +48”