Coni, Snoopy diventa la mascotte dell’Italia a Rio 2016 e non solo

Il personaggio dei Peanuts entra nell’Italia Team.

Il Coni, Comitato olimpico nazionale, ha annunciato oggi una partnership davvero unica che consentirà all’Italia Team di avere una mascotte speciale, sia alle Olimpiadi di Rio 2016, sia in altre manifestazioni, visto che l’accordo vale anche oltre l’anno olimpico. Si tratta ti Snoopy, celeberrimo personaggio dei Peanuts, il bracchetto più amato del mondo che ora si veste d’azzurro.

L’accordo è stato presentato oggi nella Tribuna Autorità del Centrale del Tennis, dove sono in corso gli Internazionali d’Italia. Erano presenti il Presidente del Coni Giovanni Malagò, il Vice Segretario Generale e Responsabile Preparazione Olimpica Carlo Mornati, il Direttore Marketing Diego Nepi, il Senior Director di Peanuts Tara Botwick e il Project Advisor Maurizio Occhipinti. C’erano anche alcuni atleti azzurri: la coppia di beach volley femminile Marta Menegatti e Viktoria Orsi-Toth, le veliste iridate Giulia Conti e Francesca Clapcich, gli olimpionici Carlo Molfetta e Antonio Rossi, l’ex cestista Carlton Myers e il marciatore Marco De Luca.

Grazie a questa intesa di co-branding, in pratica, Snoopy sarà impegnato in progetti di licensing che riguardano tutte le discipline Olimpiche nelle vesti di atleta dell’Italia Team. Le aree merceologiche interessate sono tantissime: giochi, peluche, abbigliamento, accessori, servizi.

Il presidente Malagò ha commentato:

“Stiamo andando nella giusta direzione, anche questa è una scommessa vinta. Grazie a tutta la direzione marketing, con la quale abbiamo iniziato a lavorare due anni fa su questo accordo. È molto divertente vestire con il tricolore Snoopy: quando si acquisterà Snoopy per i bambini si darà automaticamente un contributo al nostro mondo”

Tara Botwick, Senior Director di Peanuts ha detto di essere “molto felice e orgogliosa di questa partnership”, mentre il direttore Marketing e Sviluppo del Coni Diego Nepi Molineris ha aggiunto:

“Vogliamo arrivare al 2017 tra i 7 e i 10 milioni fatturato con le royalties dall’8 al 12%. Il nostro target è la Generazione Z, quella dei bambini, per arrivare attraverso un’implementazione ad abbracciare anche il mondo dei Millennials

Foto © CONI

I Video di Blogo