Brasile, Andrea Macchelli sgozzato per questione di soldi: caccia all’italiano Massimiliano Tosoni

Duplice omicidio in Brasile, un agguato in piena regola compiuto per questioni di denaro e che vede come protagonisti due cittadini italiani, uno vittima e l’altro carnefice. Andrea Macchelli, 48enne originario di Modena, è stato sgozzato in un’abitazione di Fortaleza insieme ad un suo amico, Hedley Lincoln dos Santos Farias, 25enne figlio di un ufficiale

Duplice omicidio in Brasile, un agguato in piena regola compiuto per questioni di denaro e che vede come protagonisti due cittadini italiani, uno vittima e l’altro carnefice. Andrea Macchelli, 48enne originario di Modena, è stato sgozzato in un’abitazione di Fortaleza insieme ad un suo amico, Hedley Lincoln dos Santos Farias, 25enne figlio di un ufficiale della polizia militare e funzionario dell’agenzia di cambio cittadina.

Ad ucciderli, lo riferiscono le autorità locali, sarebbe stato un commando composto almeno da quattro persone: tre ragazzini minorenni – due 15enni e un 14enne – e l’italiano Massimiliano Tosoni, 28enne già noto alle autorità italiane per rapina ed ora ricercato in tutto il Brasile.

Il duplice omicidio è avvenuto in una camera del Fortaleza Flat, un residence di lusso che Macchelli affittava ai turisti. Il killer aveva preso una stanza lì e fissato un incontro proprio con Macchelli: i due avrebbero dovuto effettuare un cambio di denaro – ecco il motivo per cui il 48enne aveva fatto arrivare Santos Farias – che, secondo le autorità locali, sarebbe stato particolarmente vantaggioso per Macchelli.

Le cose non sono andate secondo i piani. Tosoni aveva portato con sé i tre minorenni e li aveva nascosti in bagno. Ad un suo segnale i tre sono usciti ed hanno sgozzato a morte Macchelli e il suo amico, fuggendo poi con la valigia piena di soldi, almeno 20 mila euro e altrettanti in reais.

Nella fuga l’automobile sulla quale stavano viaggiando i quattro ha avuto un incidente. Due minorenni sono così finiti in manette, mentre l’altro adolescente e Tosoni sono riusciti a far perdere le proprie tracce e sono attualmente ricercati in tutto il Paese.

Ad incastrare i due latitanti sono stati proprio i due minorenni arrestati, che hanno confessato tutto e indicato Tosoni come mandante del delitto.

Foto © Getty Images – Tutti i diritti riservati