Parma, due detenuti albanesi evadono dal carcere: uno era dentro per omicidio

Pittoresca evasione dal carcere di via Burla a Parma. Due detenuti albanesi, Taulant Toma e Valentin Frokkaj, di 29 e 35 anni, sono riusciti a segare le sbarre della cella e a calarsi all’esterno della struttura utilizzando il più classico dei modi, calandosi con le lenzuola a mo’ di corda.E’ accaduto intorno alle 6.30 di

Pittoresca evasione dal carcere di via Burla a Parma. Due detenuti albanesi, Taulant Toma e Valentin Frokkaj, di 29 e 35 anni, sono riusciti a segare le sbarre della cella e a calarsi all’esterno della struttura utilizzando il più classico dei modi, calandosi con le lenzuola a mo’ di corda.

E’ accaduto intorno alle 6.30 di ieri, ma la scomparsa dei due è stata scoperta soltanto più tardi, duranta il consueto giro di controllo degli agenti della polizia penitenziaria, quando ormai i due si erano già allontanati facendo perdere le proprie tracce. Immediati l’allarme e l’inizio delle ricerche, estese in tutta Italia grazie alla collaborazione delle altre forze di polizia, che hanno istituito posti di blocco in tutto il Paese, per ora senza successo.

La conferma è arrivata dal provveditore regionale del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria dell’Emilia-Romagna, Pietro Buffa, che ha fornito anche maggiori dettagli sui due evasi. Toma, detenuto per rapina e spaccio di droga, non è nuovo a questo tipo di episodi: già nell’ottobre 2009 era riuscito ad evadere dal carcere di Terni calandosi dalla sua cella con un lenzuolo ed era stato rintracciato ed arrestato un paio di mesi dopo.

Frokkaj è il più pericoloso dei due. Stava scontando una condanna per l’omicidio di un connazionale di 23 anni, ucciso a Brescia nel luglio 2007. Le ricerche dei due proseguono.

Foto | PoliziaPenitenziaria