Brasile, l’ex-presidente Lula condannato a 9 anni

Pesante condanna per l’ex-presidente brasiliano Lula, accusato di corruzione. Se confermata in appello dovrà andare in carcere.

[blogo-video id=”386792″ title=”Brasile, 9 anni a Lula per corruzione: “E’ condanna politica”” content=”” provider=”askanews” image_url=”http://engine.mperience.net/cdn/static/img/tmnews/20170713_video_12430785.jpg” thumb_maxres=”0″ url=”20170713_video_12430785″ embed=”PGRpdiBpZD0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzg2NzkyJyBjbGFzcz0nbXAtdmlkZW9fY29udGVudCc+PHNjcmlwdCB0eXBlPSJ0ZXh0L2phdmFzY3JpcHQiIHNyYz0iaHR0cDovL2VuZ2luZS5tcGVyaWVuY2UubmV0L0VuZ2luZVdpZGdldC9zY3JpcHRzL3dpZGdldF8xIj48L3NjcmlwdD48ZGl2IGNsYXNzPSJtcGVfd2lkZ2V0IiBkYXRhLW1wZT0ndHlwZT1wbGF5ZXJ8YXBwSWQ9MTl8dGFyZ2V0SWQ9MjAxNzA3MTNfdmlkZW9fMTI0MzA3ODV8cGxheWVyT3B0aW9ucz17ImF1dG9wbGF5Ijoibm9uZSIsImFkdlVSTCI6Imh0dHA6Ly9pYi5hZG54cy5jb20vcHR2P21lbWJlcj0zNzA3JTI2JWludl9jb2RlPXByZXJvbGwtYXNrYW5ld3MteDUwLWRlc2t0b3AiLCJ1c2VJbWFTREsiOnRydWV9Jz48L2Rpdj48c3R5bGU+I21wLXZpZGVvX2NvbnRlbnRfXzM4Njc5Mntwb3NpdGlvbjogcmVsYXRpdmU7cGFkZGluZy1ib3R0b206IDU2LjI1JTtoZWlnaHQ6IDAgIWltcG9ydGFudDtvdmVyZmxvdzogaGlkZGVuO3dpZHRoOiAxMDAlICFpbXBvcnRhbnQ7fSAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzg2NzkyIC5icmlkLCAjbXAtdmlkZW9fY29udGVudF9fMzg2NzkyIGlmcmFtZSB7cG9zaXRpb246IGFic29sdXRlICFpbXBvcnRhbnQ7dG9wOiAwICFpbXBvcnRhbnQ7IGxlZnQ6IDAgIWltcG9ydGFudDt3aWR0aDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O2hlaWdodDogMTAwJSAhaW1wb3J0YW50O308L3N0eWxlPjwvZGl2Pg==”]

Ieri il tribunale di Curitiba, in Brasile, ha pronunciato la sentenza di primo grado contro l’ex-presidente Ignacio Lula da Silva, condannato a 9 anni e mezzo per corruzione: il giorno dopo a San Paolo c’è chi festeggia questa condanna, seguita poco dopo dall’annuncio dei legali di Lula di presentare appello “presso tutti i tribunali imparziali, comprese le Nazioni Unite”. Lula è accusato di aver incassato fino a 3,7 milioni di reais (circa un milione di euro) da parte della Oas, un’impresa edile coinvolta nello scandalo Petrobras. L’ex presidente, oggetto di altri quattro procedimenti giudiziari – ha negato ogni addebito.

L’avvocatessa di Lula Valeska Zanin Martins ha dichiarato:

“Se il giudice fosse imparziale, se il giudice fosse indipendente, questa procedura non sarebbe mai esistita, perché ci sono moltissime prove della sua innocenza. Questa condanna quindi è solamente politica ed è un nuovo attacco contro lo Stato di diritto e contro la nostra recente democrazia. […] Vogliono chiaramente estromettere Lula dalla corsa presidenziale, Lula è dato favorito in tutti i sondaggi”

Se la condanna dovesse essere confermata anche in appello, Lula – che rimarrà in libertà fino alla sentenza definitiva – dovrà entrare in carcere e non potrà quindi presentarsi alle presidenziali del 2018, in cui i sondaggi lo danno attualmente come favorito.