Caso Cucchi: i verbali e le indagini amministrative

La Stampa segnala gli sviluppi dell’inchiesta sulla morte di Cucchi: i due procedimenti amministrativi che si affiancano all’indagine giudiziaria del processo penale, si sono risolti con un nulla di fatto.Dopo l’Asl che ha scagionato i medici, ieri è toccato al Dap (Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria) comunicare l’esito dei suoi accertamenti. In una relazione inviata alla procura

di

La Stampa segnala gli sviluppi dell’inchiesta sulla morte di Cucchi: i due procedimenti amministrativi che si affiancano all’indagine giudiziaria del processo penale, si sono risolti con un nulla di fatto.

Dopo l’Asl che ha scagionato i medici, ieri è toccato al Dap (Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria) comunicare l’esito dei suoi accertamenti. In una relazione inviata alla procura della repubblica, gli «investigatori» del Dipartimento non giungono ad alcuna conclusione certa sull’operato degli agenti indagati. Tanto basta, però, per consentire al capo del Dap Franco Ionta di scagionare le guardie penitenziarie: «Le risultanze hanno rilevato fin qui l’assenza di responsabilità da parte degli agenti». I magistrati, però, sembrano decisi a proseguire per la loro strada.

Intanto Repubblica ha pubblicato il verbale di 50 mila caratteri con la deposizione del testimone gambiano che seguì Cucchi nella comparsa davanti al giudice, il link è questo. Resta da sentire per i giudici anche il secondo testimone, un magrebino che avrebbe avvertito il pestaggio in carcere.

Ultime notizie su Stefano Cucchi

Tutto su Stefano Cucchi →