USA, il direttore della CIA: “Stracciare l’accordo sul nucleare iraniano sarebbe da pazzi”

Il direttore della CIA invita il Presidente eletto Donald Trump alla prudenza e alla disciplina.

Il direttore della CIA John Brennan, pronto a lasciare l’incarico dopo quattro anni il prossimo 20 gennaio, ha concesso un’intervista alla BBC e in quell’occasione si è rivolto direttamente al Presidente eletto Donald Trump, invitandolo a fare attenzione ai rapporti con la Russia e all’accordo sul nucleare con l’Iran.

Nel corso della campagna elettorale, infatti, Trump aveva annunciato l’intenzione di rafforzare i rapporti con la Russia – e il Presidente Putin è stata una delle prime persone ad essere chiamate da Trump dopo la vittoria – e di rivedere gli accordi sul nucleare.

Brennan ha delineato una serie di aree in cui, secondo lui, la nuova amministrazione dovrà agire con prudenza e disciplina, a cominciare dal tipo di linguaggio usato a proposito del terrorismo. In Siria, secondo il capo della CIA, gli Stati Uniti dovranno continuare a supportare i ribelli a resistere ai brutali attacchi condotti da Siria, Iran, Hezbollah e Russia.

Va da sé che, vista la vicinanza di Trump e Putin, gli Stati Uniti potrebbero decidere di cambiare strategia e di puntare a un approccio più simile a quello russo:

Non sono convinto che i Russi cederanno fino a quando non saranno riusciti ad ottenere il maggior numero possibile di vittorie sul campo. Credo che il Presidente Trump e la nuova amministrazione debbano fare attenzione alle promesse della Russia.

A proposito della delicata questione in Iran, Brennan sostiene che la promessa di Trump di abbandonare l’accordo sul nucleare “sarebbe disastrosa”:

Prima di tutto sarebbe senza precedenti che un’amministrazione distrugga del tutto un accordo fatto da una precedente amministrazione. Credo che farlo rappresenterebbe l’apice della follia!

Ultime notizie su Elezioni USA

Tutto su Elezioni USA →