Colombia verso la pace con la FARC: nuovo accordo da firmare

La Colombia torna a tentare un accordo di pace con le FARC dopo il no del referendum lo scorso ottobre.

A poche settimane dal risultato del referendum che aveva dato esito negativo, il governo colombiano è pronto a nuovo accordo di pace con le FARC, le Forze armate rivoluzionarie colombiane.

Stavolta il nuovo testo non sarà proposto ai cittadini tramite un referendum popolare, ma sarà rimesso al Congresso, a cui spetterà il compito di approvarlo. Lo ha annunciato ieri sera il Presidente della Colombia Juan Manuel Santos in un discorso alla nazione:

Abbiamo la possibilità di chiudere questo doloroso capitolo della nostra storia che ha addolorato e afflitto milioni di colombiani per mezzo secolo.

Il testo dell’accordo rifiutato dal referendum del 2 ottobre è stato rivisto dal governo colombiano e da rappresentati delle FARC, che hanno lavorato senza sosta per effettuare oltre 50 cambiamenti al fine di renderlo più accettabile anche per i colombiani più conservatori che tanto hanno perso per colpa delle FARC e non sono intenzionati ad appoggiare un accordo troppo clemente.

I gruppi di opposizione hanno già criticato il nuovo accordo, sostenendo che non faccia abbastanza per punire i ribelli per gli abusi dei diritti umani compiuti negli anni. Il Presidente Santos, però, ha precisato che il tempo nei negoziati è finito:

Questo nuovo accordo non soddisferà tutti, ma è quello che succede con gli accordi di pace. Ci saranno sempre voci critiche, è comprensibile e rispettabile.

Santos, premio Nobel per la pace nel 2016, ha spiegato che la ratificazione dell’accordo avverrà al Congresso, dove la coalizione di governo ha una solida maggioranza.