Salvini leader del centrodestra? Il progetto sovranista della Lega Nord

La vittoria di Trump mette le ali a Salvini. Ma in quanti lo seguiranno?

Per Salvini, questo è il momento del contrattacco. Costretto negli ultimi mesi sulla difensiva, colpito da sondaggi non entusiasmanti (la Lega Nord non solo non cresce da mesi, ma è scesa parecchio attestandosi attorno all’11/12%), asfaltato sul fronte populista da un Movimento 5 Stelle che attrae molti più consensi ed entusiasmi, il leader del Carroccio ha colto al volo la vittoria di Donald Trump, con cui si era schierato fin dall’inizio, per rilanciare la sua figura politica.

L’obiettivo è di quelli importanti: diventare leader del centrodestra mentre contemporaneamente lo si manda in soffitta, dando vita a un nuovo progetto “sovranista” il cui scopo numero uno è dire addio all’euro e tornare alla lira. Con lui ci sono Meloni, Toti e si è fatto vivo anche Storace.

I problemi, però, sono di due ordini. Cominciano dal più semplice: Silvio Berlusconi conterà anche poco, ormai, ma è pur sempre il leader di un partito che, sondaggi alla mano, ha gli stessi voti della Lega. Dall’alto di quale consenso Salvini pensa di potergli dettare le regole? L’idea di Berlusconi, peraltro, è molto diversa: ricostituire un centrodestra moderato con Stefano Parisi alla guida. Parisi, l’ex candidato sindaco di Milano che voterà “no” al referendum (o almeno così ha dichiarato) ma il cui progetto è anni luce da quello di Salvini. Bisognerà capire come i due progetti possono conciliarsi, perché un centrodestra diviso, in questo momento, conta davvero poco.

L’altro aspetto riguarda invece quale popolarità può avere il progetto di Salvini al di là dell’unità del centrodestra. È vero, questo è il momento del populismo, anche in Italia (dove prima era già comunque incarnato da Berlusconi); ma da noi è il M5S ad avere saldamente in mano la questione anti-establishment. Un partito, il M5S, che prende peraltro tre volte i voti della Lega e i cui esponenti sono onnipresenti sul web e sugli schermi tv. Come spera Salvini di sottrarre loro i consensi?