Usa 2016, l’FBI chiude le indagini sull’emailgate di Hillary Clinton

Nessuna richiesta di incriminazione per Hillary Clinton. Il caso emailgate è chiuso.

L’FBI ha annunciato di aver chiuso, per la seconda volta, le indagini sulle email di Hillary Clinton e che, dopo attenta analisi di tutte le comunicazioni inviate dall’ex Segretario di Stato USA, non ci sarà nessuna richiesta di incriminazione.

La conferma è arrivata con una lettera inviata al Congresso dal direttore dell’FBI, James Comey:

Durante questo processo abbiamo revisionato tutte le comunicazioni inviate e ricevute da Hillary Clinton quando era Segretario di Stato. Sulla base delle nostre analisi, non abbiamo cambiato le nostre conclusioni rispetto a quanto stabilito nel luglio scorso.

La conclusione, in definitiva, è la stessa fornita pochi mesi fa. Hillary Clinton, lo sostenne l’FBI in quell’occasione, era stata disattenta nel gestire il materiale ritenuto sensibile, ma non avrebbe commesso alcun crimine.

Il caso sembrava chiuso lì, ma una decina di giorni fa lo stesso direttore dell’FBI dichiarò di aver trovato nuove email non ancora analizzate e annunciò la riapertura del caso, ora definitivamente chiuso a poche ore dalle elezioni che potrebbero portare Clinton alla Casa Bianca.

Il candidato repubblicano Donald Trump ha accolto la notizia col suo proverbiale spirito polemico, certo che questo metterà ancora più a rischio la propria vittoria:

Hillary Clinton è colpevole. Lei lo sa, l’FBI lo sa, le persone lo sanno e ora tocca agli americani il compito di ripristinare la giustizia ai seggi l’8 novembre.

Ultime notizie su Elezioni USA

Tutto su Elezioni USA →