Volta ao Algarve 2016: a Contador la tappa regina, 2° Aru. A Thomas la generale | Video

Dietro a Geraint Thomas sul podio finale salgono Ion Izaguirre al secondo posto e Alberto Contador al terzo.

Alberto Contador si è aggiudicato l’ultima tappa della Volta ao Algarve 2016 con una pistolettata delle sue sulle rampe dell’Alto do Malhão dove era posto l’arrivo della frazione odierna partita da Almodôvar per una lunghezza totale di 169 k. Il capitano della Tinkoff ha attaccato al momento giusto e non si è fatto più riprendere da nessuno, nemmeno da Fabio Aru che è arrivato secondo con 20” di ritardo ma che, considerato che siamo ancora all’inizio della stagione, è già sembrato molto brillante. Al terzo posto si è piazzato, con lo stesso distacco di Aru, Thibaut Pinot della FDJ.

Geraint Thomas

del Team Sky è arrivato quinto con 28” di ritardo ed è così riuscito a balzare al comando della classifica generale spodestando Tony Martin dell’Etixx-Quick Step che è invece rimasto attardato in salita. Per il gallese è il secondo trionfo consecutivo nella classifica generale di questa corsa portoghese. Sul podio con lui salgono Ion Izagirre della Movistar e Contador, mentre Fabio Aru è nono con un ritardo di 1′ 25″.

La fuga di giornata è partita poco prima del decimo chilometro, lanciata da Dylan Groenewegen della Lotto NL-Jumbo, Lluís Guillermo Mas della Caja Rural e Carlos Jimenez della Rádio Popular ONDA Boavista. A questi tre battistrada si sono poi aggiunti Simon Pellaud della IAM, Anton Vorobyev del Team Katusha, Yaroslav Popovych della Trek-Segafredo, Jan Bárta della Bora-Argon18, Filipe Cardoso dell’Efapel e Alexandr Kolobnev della Gazprom-RusVelo. Il vantaggio massimo di questo gruppo di battistrada è stato di circa cinque minuti e mezzo, poi quando il distacco del plotone principale è sceso a due minuti Lluís Guillermo Mas ha accelerato staccando gli altri compagni di fuga che man mano sono stati ripresi sulla salita dell’Alto do Malhão tranne Kolobnev che è riuscito a raggiungere il corridore spagnolo e poi è rimasto al comando da solo per un po’, ma a 44 km dalla fine il gruppo è tornato compatto, ma in salita si è frazionato in due tronconi e il leader della corsa, Tony Martin, è rimasto nel secondo rimediando oltre un minuto e mezzo di ritardo con il compagno Niki Terpstra. Kolobnev ha provato ad attaccare di nuovo ai -20 km, ma è stato presto ripreso. Negli ultimi tre chilometri, sull’ultima salita dell’Alto do Malhão è arrivata l’azione decisiva di Alberto Contador che ha bruciato tutti gli avversari.

Questi i primi dieci al traguardo dell’ultima tappa:
1) Alberto Contador (Tinkoff) 4h 24’ 47”
2) Fabio Aru (Astana) +20”
3) Thibaut Pinot (FDJ) +20”
4) Manuel Antunes Amaro (LA Aluminios-Antarte) +21”
5) Gearing Thomas (Team Sky) +28”
6) Primoz Roglic (LottoNL-Jumbo) +28”
7) Rigoberto Uran (Cannondale) +28”
8) Dries Devanyns (IAM) +30”
9) Julián David Arredondo (Trek-Segafredo) +30”
10) Jarlinson Pantano (IAM) +31”

e questa la top-ten della classifica generale finale:
1) Geraint Thomas (Team Sky) 18h 34’ 15”
2) Ion Izagirre (Movistar) +19”
3) Alberto Contador (Tinkoff) +26”
4) Thibaut Pinot (FDJ) +32”
5) Primo Roglic (LottoNL-Jumbo) +49”
6) Tony Gallopin (Lotto Soudal) +50”
7) Ilnur Zakarin (Team Katusha) +1’ 03”
8) Jarlinson Pantano (IAM) +1’ 04”
9) Fabio Aru (Astana) +1’ 25”
10) Manuel Antunes Amaro (LA Aluminios-Antarte) +1’ 27”