Terremoto, via libera del Cdm al decreto per gli interventi urgenti

Via libera del CdM al decreto urgente “Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni e dei territori interessati dagli eventi sismici del 2016”.

Consiglio dei Ministri lampo, questa mattina, per l’approvazione del decreto legge per gli interventi urgenti in favore delle popolazioni e dei territori interessati dal terremoto del 2016.

Il via libera è arrivato in 20 minuti. Il Consiglio dei Ministri è iniziato alle 9.24 e alle 9.45 è stato dato l’ok al decreto legge ribattezzato “Nuovi interventi urgenti in favore delle popolazioni e dei territori interessati dagli eventi sismici del 2016”.

Il testo dovrebbe essere pubblicato in Gazzetta Ufficiale già il prossimo lunedì. Al suo interno, secondo quanto si è appreso, è contenuta la nuova definizione del cratere del sisma – aggiornato tenendo in considerazione le due forti scosse del 26 ottobre e quella di magnitudo 6.5 del 30 ottobre – e anche tutta una serie di provvedimenti su agricoltura, scuola e beni culturali, ma anche maggiori poteri ai sindaci dei comuni messi in ginocchio dal sisma e una ridefinizione del ruolo dell’ANAS per la riparazione della rete stradale nelle aree colpite dal sisma.

La situazione più grave si è registrata nelle Marche, dove oltre 21 mila persone sono rimaste senza casa. 14 mila persone sono attualmente ospitate in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale e altre 7 mila persone si trovano già negli alberghi sul litorale marchigiano.

Secondo le ultime rilevazioni della Regione Marche, sono 112 i Comuni colpiti: 53 nel Maceratese, 26 nel Fermano, 25 nell’Ascolano, 8 nell’Anconetano.

Il decreto legge approvato oggi dovrebbe ora confluire in un emendamento nel primo decreto che sarà oggetto di esame della Commissione Bilancio del Senato tra il 21 e il 26 novembre per un approvazione tra il 22 e il 23 novembre.

Ultime notizie su Governo Italiano

Tutto su Governo Italiano →