Sondaggi referendum costituzionale: il “sì” avanza leggermente

I sondaggi sul referendum costituzionale mostrati a Piazzapulita mostrano una situazione quasi di stallo.

Mancano circa 40 giorni al voto per il referendum costituzionale, il che significa che il rush finale sta per cominciare e che, da adesso in avanti, non ci si può più attendere che la situazione si ribalti com’è avvenuto negli ultimi mesi, che ha visto la larghissima maggioranza di italiani favorevoli alla riforma del Senato trasformarsi in una (esigua) maggioranza di contrari.

Il problema è che ancora non è chiaro da che parte penderà la bilancia: i “no” rimangono in vantaggio, ma nelle ultime settimane, complice anche l’invasione televisiva di Matteo Renzi, i favorevoli hanno ripreso a crescere e a conquistare un po’ di posizioni, pur rimanendo abbondantemente indietro.

La cosa viene confermata ancora una volta questa settimana, nei sondaggi Index Research di Piazzapulita: i “no” calano di due decimali scendendo al 51,3% e i “sì” crescono altrettanto. La piccola buona notizia per il fronte del “sì” viene però cancellata se si guarda al fatto che, con questi ultimi spostamenti, si torna esattamente a dove si era un mese fa. Come dire, tanta fatica per nulla, e i contrari sono sempre in vantaggio.

La partita, è chiaro, si giocherà tutta su quel 19% di italiani che si dichiara ancora indeciso.