Sondaggi referendum costituzionale, il “no” sempre in vantaggio

Nei sondaggi sul referendum costituzionale trasmessi a Piazza Pulita, la situazione complessiva non cambia.

I sondaggi Index Research sul referendum costituzionale, trasmessi ieri durante Piazza Pulita, mostrano come la corsa di favorevoli e contrari alla riforma del Senato (e non solo) sia giunta a un momento di stallo, dopo mesi in cui ogni settimana ha portato significative novità.

Per la prima volta, infatti, il sondaggio non ha rilevato nessuna differenza rispetto al mese scorso: i “no” sono sempre in vantaggio di tre punti sui “sì” (51,5 contro 48,5%). Esattamente dove si trovavano tre settimane fa.

Cosa significa questo? Di sicuro significa che la crescita dei contrari si è arenata, ma è anche normale se si pensa che a febbraio di quest’anno i contrari erano solo il 38%; il problema, per Renzi, è che i contrari non accennano comunque a scendere.

È sempre su quel 20% di indecisi che Renzi può contare per riuscire a strappare una vittoria che al momento sembra essere davvero ardua da raggiungere.