Sondaggi politici, 12 ottobre 2016: il M5S si riavvicina al PD

Ma il Partito Democratico guida ancora la truppa.

Il Movimento 5 Stelle è uscito senza troppe difficoltà dal caos Roma, probabilmente guidato dalla fede dei propri sostenitori e soprattutto da una campagna sul referendum costituzionale che sta monopolizzando l’attenzione e cementificando le appartenenze ai campi. E così, mentre il Partito Democratico per qualche colpo, il M5S si riavvicina, pur senza riuscire a scalzare il PD dal primo posto.

Il Partito Democratico, nei sondaggi Emg di La7, perde infatti tre decimali scendendo al 30,7%; mentre il Movimento 5 Stelle nel guadagna 2 salendo al 30,2%. Ormai è solo mezzo punto a distanziare i due partiti. Il centrodestra, nonostante la Lega Nord guadagni un po’arrivando al 12,8%, non sembra più essere in grado di competere per arrivare al ballottaggio (sempre che ci sia).

Ed è proprio il ballottaggio, al momento, il tasto dolente del Partito Democratico: in caso di confronto con il Movimento 5 Stelle è infatti chiaro, come si è visto anche alle amministrative, che una parte del voto di centrodestra andrebbe a schierarsi con il M5S, garantendogli, come si vede ormai da parecchio tempo, un’agile vittoria.