Cosa Nostra e il Governo Berlusconi: alla resa dei conti

Inquietante e tutto da leggere il pezzo di D’Avanzo e Bolzoni su Repubblica di oggi: Non è un mistero (un migliaio di pagine sono state depositate, tre giorni fa, al processo di appello a Dell’Utri che si celebra a Palermo) che un nuovo testimone dell’accusa – Gaspare Spatuzza – indica nel presidente del consiglio e

di

Inquietante e tutto da leggere il pezzo di D’Avanzo e Bolzoni su Repubblica di oggi:

Non è un mistero (un migliaio di pagine sono state depositate, tre giorni fa, al processo di appello a Dell’Utri che si celebra a Palermo) che un nuovo testimone dell’accusa – Gaspare Spatuzza – indica nel presidente del consiglio e nel suo braccio destro i suggeritori della campagna stragista di sedici anni fa. Queste sono le “nuove” dai palazzi di giustizia, ma quel che si scorge è molto altro. L’intero fronte mafioso è minacciosamente in movimento. “La Cosa Nostra siciliana” si prepara a chiedere il conto a un Berlusconi che appare, a ragione, in tensione e sicuro che il peggio debba ancora venire.

Accade che, nella convinzione di “essere stata venduta” dopo “le trattative” degli anni Novanta, la famiglia di Brancaccio ha deciso di aggredire – in pubblico e servendosi di un processo – chi “non ha mantenuto gli impegni”. Ci sono anche i messaggi di morte. Al presidente del Senato, Renato Schifani, siciliano di Palermo. O, come raccontano le “voci di dentro” di Cosa Nostra, avvertimenti che sarebbero piovuti su Marcello Dell’Utri. Un’intimidazione che ha – pare – molto impaurito il senatore e patron di Publitalia. Sono sintomi che devono essere considerati oggi un corollario della resa dei conti tra Cosa Nostra e il capo del governo. È il modo più semplice per dirlo.

La questione era anche stamattina qui sulle pagine di Polisblog.

I Video di Blogo

Ultime notizie su Mafia

Tutto su Mafia →