Sondaggi Brexit: chi vincerà il referendum sull’uscita dall’Unione Europea?

Il Financial Times sta monitorando tutti i sondaggi, secondo la sua analisi i “no” alla Brexit sono comunque in vantaggio.

Gli ultimi sondaggi sulla Brexit tendono a dare in vantaggio i “sì”, ovvero i favorevoli all’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea. Il problema, però, è che spesso questi sondaggi sono distorti dall’entusiasmo di una parte e dalla passività dell’altra; il che fa sì che ai sondaggisti i primi rispondano sempre e molto più convintamente degli altri.

Una cosa molto simile si è vista nel referendum in Scozia, in cui i sondaggi ci hanno per lungo tempo raccontato come i favorevoli alla separazione della Scozia dal resto del Regno Unito fossero in vantaggio, salvo poi ribaltare tutto (e indovinare il risultato) a pochi giorni dal referendum.

Nel tentativo di limitare le distorsioni – o almeno così viene da pensare – il Financial Times si è messo all’opera, riprendendo una tecnica sempre più utilizzata: fare la media dei vari sondaggi che appaiono, metodo che consente di limitare al minimo le distorsioni.

Che cosa dice allora il sondaggio sui sondaggi della Brexit? Che, nonostante il rumore quotidiano, in vantaggio sono in verità i “no”, quelli che vogliono che il Regno Unito rimanga all’interno dell’Unione Europea.

Si tratta di un vantaggio minimo, comunque, di soli due punti percentuali. Fondamentali saranno quindi gli indecisi, che ancora si aggirano attorno al 12% (ma variano a seconda dei vari sondaggi) e potranno quindi far pendere l’ago della bilancia da una parte o dall’altra.

In questo tipo di situazioni, non va mai preso sottogamba il ruolo della maggioranza silenziosa, quella che non è convinta da una parte o dall’altra, e che alla fine tende a prediligere la situazione più sicura, quella che mantenga lo status quo. E così evitare un comunque pericoloso salto nel vuoto. È esattamente quanto è avvenuto in Scozia, vedremo se si ripeterà anche in questa occasione.

Ultime notizie su Referendum

Tutto su Referendum →