Piazzapulita | Puntata 30 maggio 2016

Piazzapulita, la puntata del 30 maggio 2016

  • 21.18

    Inizia la puntata. Formigli cita il caso di Sara, la ragazza uccisa e bruciata a Roma.

  • 21.21

    Virginia Raggi in studio.

  • 21.22

    Raggi commenta il caso di cronaca nera: “Bisogna ricostruire a Roma uno spirito di comunità”.

  • 21.26

    Raggi invoca l’Europa sul tema dell’immigrazione. Poi smentisce gli assessorati a tempo: “Ci sarà un solo assessorato di scopo, che riguarda la riorganizzazione delle partecipate”.

  • 21.28

    Raggi: “Deciderò io, il sindaco viene eletto dai cittadini e risponde ai cittadini”.

  • 21.30

    Raggi: “In caso di sindaco indagato saranno i cittadini romani a decidere”.

  • 21.31

    Raggi: “Io decido gli assessori, lo staff che io ho scelto mi aiuterà nell’esame dei curricula”.

  • 21.33

    Raggi: “La funivia a Roma? A Londra, Barcellona e prossimamente a Berlino si è capito che per la mobilità bisogna costruire verso l’alto”.

  • 21.35

    Raggi: “Olimpiadi? Oggi Roma non può permettersele, probabilmente. Prima pensiamo all’ordinario, poi allo straordinario”.

  • 21.36

    Raggi: “Non faccio confronti televisivi? Domani farò un confronto televisivo, ci saranno regole molto precise”.

  • 21.39

    Raggi: “Oggi il M5S è l’unica alternativa”.

  • 21.40

    In un servizio la “burocrazia criminale” di Roma.

  • 21.46

    Il servizio mostra che per aprire un bar a Roma l’attestato per raggiungere il punteggio si può comprare illegalmente.

  • 21.46

    Roberto Giachetti del Pd in studio.

  • 21.47

    Giachetti: “Nel mio sito non cito mai il Pd? Sono iscritto al Pd, ma sono candidato della coalizione di centrosinistra”.

  • 21.50

    Giachetti: “La Ferilli voterà per la Raggi? Non mi stupisce, mi dispiace non perché è un’attrice, ma perché romana”.

  • 21.51

    Giachetti: “Per semplificare le procedure nella macchina organizzativa non ci vogliono anni!”.

  • 21.53

    Giachetti: “I campi rom da chiudere? Sì, gradualmente li voglio chiudere”.

  • 21.54

    Giachetti: “Non mi dà fastidio avere il voto dei verdiniani, a Roma si vince con un voto in più”.

  • 21.55

    Giachetti: “La possibilità che io perda non esiste”.

  • 22.06

    L’intervista al giornalista Sandro Ruotolo: “Le dichiarazioni di D’Anna contro Saviano? O è ignorante o è in malafede”.

  • 22.07

    Ruotolo, che vive sotto scorta, cita Mauro Rosagno, Giancarlo Siani, Beppe Alfano, “giornalisti uccisi dalla mafia perché parlavano e raccontavano”.

  • 22.08

    Migliore: “D’Anna non può permettersi di dire queste cose”. Belpietro: “La scorta di Saviano non la decide Saviano!”.

  • 22.10

    Belpietro: “L’attacco di D’Anna è politico e polemico, non ha nessun fondamento. È un attacco al governo Renzi. Evidentemente ha bisogno di qualcosa, è un messaggio per ottenere qualche posto”. Migliore: “Niente avrà”.

  • 22.12

    Migliore: “Non c’è nessun automatismo tra i voti a D’Anna e i sindaci del Pd”. Formigli: “A Napoli la vostra candidata è sostenuta da Ala di Verdini”.

  • 22.13

    Migliore: “I voti di chi sostiene queste cose non li vogliamo. Chi condivide ciò che ha detto D’Anna non ci voti”.

  • 22.15

    La prima parte dell’intervista a Tito Boeri, presidente Inps.

  • 22.16

    Secondo Boeri, per “troppi anni il sistema pensionistico è stato troppo generoso”.

  • 22.17

    Boeri: “Io credo che la nozione di diritto acquisito sia una nozione che vada ben discussa. Io penso che una persona – sul piano previdenziale – acquisisca il diritto ad una certa prestazione nel momento in cui versa dei contributi che giustificano questa prestazione. In Italia si tocca tutto perché si cambiano le leggi ogni due per tre, si cambia la tassazione, si aumentano le tasse sulla case quando una persona ha risparmiato tutta una vita pensando che non ci fossero, quel diritto acquisito viene calpestato sistematicamente, ma poi quando si parla di pensioni quelli sono diritti acquisiti intoccabili, io trovo che questa sia una definizione sbagliata”.

  • 22.18

    Barisoni: “Boeri parla troppo, dovrebbe parlare col governo. E il governo dovrebbe parlare meno di pensioni”.

  • 22.21

    Belpietro: “Boeri dovrebbe stare zitto, parla di questioni che non lo riguardano”.

  • 22.23

    Belpietro: “Boeri sta facendo politica, la sua campagna politica, un suo gioco personale”.

  • 22.30

    Pensioni future: i dati.

  • 22.32

    Migliore ricorda che il governo Renzi è intervenuto con 7 salvaguardie in aiuto degli esodati.

  • 22.34

    Migliore: “La Fornero la cambiamo? La stiamo già cambiando”.

  • 22.35

    Belpietro: “La Fornero non verrà cambiata. C’è solo un progetto enunciato, non è stato ancora presentato”.

  • 22.38

    Barisoni spiega che i conti Inps non sono a rischio.

  • 22.41

    In studio Antonio Succi, pensione di 3 mila euro netti al mese.

  • 22.42

    Succi: “Rinunciare a una parte della pensione per i giovani? No, la pensione per i giovani non si crea rubando la pensione dei pensionati, ma creando lavoro”.

  • 22.45

    Belpietro: “La Consulta non ha detto no al contributo di solidarietà, ma che non può essere a carico solo dei pensionati”.

  • 22.52

    La seconda parte dell’intervista a Boeri: “Se ci fosse un ricalcolo contributivo dei vitalizi per cariche elettive, non solo al Parlamento ma anche per i Consigli regionali, andremmo a risparmiare circa 200 milioni di euro all’anno. Non credo sia solo un intervento simbolico, alcune prestazioni sociali, pensiamo ai sussidi di disoccupazione per i disoccupati di lunga durata, nel 2015 avevano un bilancio che era intorno ai 200 milioni. Se noi risparmiassimo su quello potremmo finanziare dei programmi sociali importanti”.

  • 22.55

    Migliore: “C’è già una proposta del Pd a proposito del ricalcolo contributivo. Ho firmato la legge”.

  • 22.55

    Migliore: “La flessibilità in uscita è già in discussione coi sindacati”.

  • 22.56

    Belpietro: “Ci sono ex parlamentari che incassano un milione di euro in più rispetto a quello che hanno versato”.

  • 22.58

    Il pensionato Antonio: “Iniziamo a distinguere tra previdenza ed assistenza”.

  • 22.59

    Barisoni: “Se avessi 25 anni sarei interessato al lavoro, non penserei alla pensione”.

  • 23.02

    Formigli: “In Italia c’è un problema di equità tra precari e non. Ci sono cittadini di serie A e di serie C”. Barisoni osserva che non ci saranno interventi sulle pensioni prima di ottobre, quando si voterà il referendum.

  • 23.04

    L’intervista a Clemente Mastella.

  • 23.06

    In studio Roberto Perotti, economista ed ex commissario alla spending review.

  • 23.07

    Perotti: “Sono amico fraterno di Boeri. Non fa proposte spot. Parla molto di mercato di lavoro perché è legato alle pensioni”.

  • 23.09

    Perotti: “Perché tutti i politici ce l’hanno con Boeri? Perché si rifiuta di fare il giro delle sette chiese, non fa riunioni inutili di sette ore”.

  • 23.09

    Perotti spiega che Boeri non hai mai proposto di intervenire sulle pensioni fino a 3 mila euro.

  • 23.10

    Perotti: “Sono andato via da commissario spending perché volevo fare tagli di spesa per finanziare il taglio di tasse, ma il governo non voleva più fare tagli di spesa”.

  • 23.12

    Perotti: “Si possono abbassare la tasse senza fare tagli di spesa, ma poi i conti con il debito pubblico si devono fare”.

  • 23.13

    Migliore replica: “Abbiamo tagliato, ma salvaguardando i servizi essenziali”.

  • 23.14

    Perotti: “Servizi essenziali? È una scusa”.

  • 23.15

    Perotti cita i “2 miliardi di tagli alla sanità nella legge di stabilità 2016”. Migliore: “Non sono stati tagliati”.

  • 23.17

    Perotti contro-replica: “‘Tagli di spesa’ si riferisce a quanto era stato previsto di spendere”. Barisoni: “Perotti ha ragione, si è scelto di non toccare interessi elettorali”.

  • 23.18

    Migliore rivendica l’introduzione del tetto ai dirigenti. Belpietro cita il taglio delle prescrizione mediche.

  • 23.19

    Belpietro osserva che la proposta di Boeri prevede l’intervento, pur minimo, sulle pensioni di 2 mila euro netti.

  • 23.20

    Perotti nota che i dirigenti dei ministeri italiani guadagnano circa il 40% in più dei tedeschi.

  • 23.21

    Perotti: “I giudici della Corte Costituzionale guadagnano il doppio di quelli americani, il triplo dei francesi”.

  • 23.23

    Migliore chiede a Perotti se un altro governo, prima di quello di Renzi, abbia messo un tetto ai dirigenti. Risposta: “Certo, il governo Letta”. Pubblicità.

  • 23.59

    In onda il reportage realizzato sulla nave di Medici senza frontiere

  • 23.38

    Sono tanti i minorenni che attraversano il Mediterraneo su un barcone.

  • 23.40

    In collegamento da Lampedusa il medico Pietro Bargolo che racconta le cure praticate alle donne ustionate recentemente sbarcate in Sicilia.

  • 23.45

    Bonafè: “Le soluzioni non sono facili. Reato di immigrazione clandestino non ha risolto, andrà abolito”. Formigli: “Fatelo, manca un solo decreto attuativo”.

  • 23.48

    Bonafè spiega che la soluzione da seguire oggi è migliorare le condizioni dei Paesi da cui i migranti partono. Ossia il migration compact.

  • 23.57

    In un servizio le immagini di due minori sbarcati in Italia: dovrebbero andare negli hotspot, ma a Roma vengono accolti da connazionali che assicurano di volersi prendere cura di loro.

  • 00.02

    L’inviata e il cameraman vengono aggrediti dal signore che ‘gestisce’ il viaggio dei minori nella stazione di Taranto.

  • 00.06

    Sarzanini del Corriere: “Ci sono smagliature, ma non penso che l’organizzazione non funzioni”.

  • 00.07

    Intanto l’inviata racconta che “i minori erano rimasti da soli sui binari della stazione mentre la Polizia interrogava noi”.

  • 00.09

    Belpietro: “L’organizzazione funziona benissimo. L’organizzazione degli sbarchi e del traffico degli essere umani”.

  • 00.09

    Bonafè: “L’organizzazione ha delle falle, ma in Italia non abbiamo visto accampamenti vergogna. Il sistema accoglienza ha retto. Poi, certo, c’è la parte di opacità”.

  • 00.11

    Sarzanini: “La via d’uscita è cercare di fare accordi con i Paesi di provenienza”.

  • 00.13

    Bartolo: “Qui la gente continua a morire, questo è il problema più importante adesso”.

  • 00.15

    In studio anche il presidente di Medici senza frontiere De Filippi: “Dall’anno scorso sono morte 4 mila persone, solo l’altra settimana mille persone nel Mediterraneo centrale”.

  • 00.18

    De Filippi spiega che bisognerebbe registrare le persone che scappano dai Paesi in guerra o da situazioni gravissime.

  • 00.20

    Belpietro sostiene che bisognerebbe costruire centri di accoglienza nei Paesi da cui partono i migranti. E poi gestire i flussi migratori in Europa.

  • 00.21

    Bonafè: “L’Europa si sta muovendo con troppa lentezza su questi temi, però l’Italia è da tempo che dice che bisogna trovare una soluzione in Libia”. Belpietro: “La trattativa dell’Italia con l’Europa è un fallimento”.

  • 00.23

    Bonafè: “Da 20 anni c’è questo problema, per 20 anni non è stato fatto niente, oggi si sta discutendo di mettere mano al trattato di Dublino”.

  • 00.26

    De Filippi: “Abbiamo solo 30000 posti di accoglienza ordinaria in Italia contro i 70000 di straordinaria”.

  • 00.27

    Boeri sui migranti: “Per l’Italia gli immigrati non sono un costo previdenziale. Ogni anno vediamo che gli immigrati contribuiscono per 5 miliardi al sistema di protezione sociale perché versano otto miliardi di contributi e ricevono 3 miliardi in prestazioni previdenziali o assistenziali”.

  • 00.28

    Boeri: “Abbiamo stimato che quasi un punto di PIL è stato acquisito di fatto dalle casse dello Stato, perché molti immigrati versano i contributi e poi se ne vanno senza percepire le pensioni. Noi abbiamo avuto moltissimi di questi casi, sia perché non avevano versato i contributi per il periodo necessario per ricevere la pensione sia perché magari non erano consapevoli di avere questo diritto. E’ come un dono che ci è stato fatto dalla presenza degli immigrati all’interno del nostro Paese”.

  • 00.28

    La puntata si chiude con le promesse di Renzi e con il Renzometro.

Piazzapulita, il talk show di La7 condotto da Corrado Formigli, torna in onda questa sera. Blogo seguirà l’intera puntata in liveblogging a partire dalle ore 21.10.

Piazzapulita | Anticipazioni puntata 30 maggio 2016

Tra gli ospiti di Corrado Formigli i candidati sindaco a Roma Virginia Raggi (M5S) e Roberto Giachetti (PD).

Si parlerà anche di pensioni con un’intervista esclusiva al presidente dell’INPS Tito Boeri e di spending review con l’ex commissario di Palazzo Chigi Roberto Perotti. E ancora, l’emergenza sbarchi nel Canale di Sicilia con la testimonianza del medico Pietro Bartolo.

Piazzapulita | Come vederlo in tv e in streaming

Tutte le puntate di Piazzapulita, in onda su La7 a partire dalle ore 21.10, sono visibili in diretta streaming sul sito ufficiale di La7. Su Blogo il liveblogging.

Piazzapulita | Second screen

Piazzapulita ha un sito ufficiale ed ha attivi gli account su Facebook e Twitter

I Video di Blogo

Ultime notizie su Piazzapulita

Tutto su Piazzapulita →